tenero

|ne|ro
agg., s.m.
av. 1320; lat. tĕnĕru(m).

AU
1a. agg. , non duro, che si può facilmente scalfire o plasmare: legno tenero
1b. agg. , cedevole al tatto, morbido
1c. agg. , di cibo, facile da tagliare e masticare: una carne molto tenera
2a. agg. , fig., giovane, nato da poco: teneri germogli
2b. agg. , fig., di colore, tenue: verde tenero
3a. agg. , che si commuove facilmente: è sempre stato un cuore tenero | buono, indulgente: io al tuo posto non sarei così tenero con lui
3b. agg. , fig., che ha atteggiamenti pieni di affetto e premura: è molto tenero con i suoi genitori
3c. agg. , che esprime tenerezza: parole tenere
3d. agg. , che ispira tenerezza: una tenera vecchietta
4a. agg. sollecito: molto, molto teneri della mia fama mostrandosi (Boccaccio)
4b. agg. debole: i fortissimi uomini non che le tenere donne hanno già molte volte vinti (Boccaccio)
4c. agg. privo di coesione: qualor tenera neve per li colli (Petrarca)
5a. s.m. AU solo sing., le parti tenere di qcs.: il tenero dei carciofi
5b. s.m. AU solo sing., fig., sentimento d’affetto, amore: secondo me fra di loro c’è del tenero
5c. s.m. AU solo sing., fig., lato debole: si è sentita punta sul tenero

Polirematiche

grano tenero
loc.s.m.
CO
g. a granelli opachi a struttura farinosa, ricco di amido, particolrmente adatto alla panificazione
in tenera età
loc.agg.inv.
CO
pargolo
tenera età
loc.s.f.
CO
infanzia: perse i genitori in tenera età; anche iron.: scia ancora nonostante la tenera età di 76 anni.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità