testuale

te|stu|à|le
agg.
sec. XIV; dal lat. mediev. textuāle(m), v. anche 1testo.


CO
1. relativo al testo, a un testo, spec. dal punto di vista filologico: ricostruzione testuale; trasmissione testuale: trasmissione di un testo fino ai nostri giorni attraverso manoscritti ed edizioni a stampa
2a. estens., che riproduce esattamente le parole di un testo o di un discorso: è una citazione testuale non a memoria
2b. estens., che viene riferito tale e quale, fedelmente: sono le sue testuali parole

Polirematiche

congiunzione testuale
loc.s.f.
TS ling.
c. usata per collegare enunciati appartenenti a testi diversi o anche enunciati e situazioni non verbalizzate, come per es. a inizio di discorso o in intitolazioni (per es. e o ma in e adesso che facciamo?, ma adesso che facciamo?), o, entro uno stesso testo, con attenuazione dei valori propri avversativi o copulativi (per es. e o ma in ma dimmi tu: hai visto Gianni?, oppure e dimmi tu: hai visto Gianni?).
critica testuale
loc.s.f.
TS filol.
studio comparativo della tradizione manoscritta o a stampa di un dato testo al fine di fornire un’edizione quanto più possibile vicina all’originale
filologia testuale
loc.s.f.
TS filol.
quella che si occupa spec. della ricostruzione critica dei testi.
linguistica testuale
loc.s.f.
TS ling.
studio delle caratteristiche di coesione e coerenza che, di una sequenza di frasi, fanno un discorso unitario o un testo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità