timbro

tìm|bro
s.m.
1812; dal fr. timbre propr. “tipo di tamburo”, dal gr. biz. túmbanon, v. anche 1timpano.

AD
1. AD attrezzo di vario materiale con una superficie recante scritte o cifre o bolli in rilievo che, inchiostrati, vengono riprodotti su carta e sim. | il bollo o la scritta così impressi: il timbro postale
2a. TS fis., mus. in acustica, qualità di un suono che non dipende dalla sua frequenza e intensità, ma dal tipo degli armonici che lo compongono e dalla variazione di questi nel tempo in cui si produce: il timbro di un violino
2b. CO tono della voce umana: voce di timbro metallico, avere un bel timbro di voce
2c. TS fon. qualità acustica di una vocale
3a. TS pitt. qualità e uso di un colore
3b. CO fig., tono, atmosfera che caratterizza un’opera letteraria: il timbro di un romanzo
4. TS arald. ornamento posto nelle armi al di sopra dello scudo, che indica le qualità del possessore

Polirematiche

timbro a secco
loc.s.m.
TS burocr.
=> bollo a secco
timbro autoinchiostrante
loc.s.m.
CO
t. che cosparge automaticamente di inchiostro la propria superficie
timbro chiaro
loc.s.m.
TS fon.
t. delle vocali cardinali anteriori, come ad es. la i
timbro scuro
loc.s.m.
TS fon.
t. delle vocali cardinali posteriori, come ad es. la u.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità