torpido

tòr|pi|do
agg.
1598; dal lat. tŏrpĭdu(m), v. anche torpere.


CO
1a. preso da torpore, che ha perso prontezza di riflessi e di movimento: ho i muscoli torpidi per essere stato molto immobile
1b. di facoltà intellettuale o morale, privo di vivacità, fiacco: mente torpida, volontà torpida
2. LE fig., che rende fiacco, lento: e a lui nel reo cuore germoglia | torpida la selva di barbarie (Carducci)
3. TS med. di ulcera o altra lesione patologica, che ha scarsa tendenza a guarire e ha un decorso lento e prolungato
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità