trafiggere

tra|fìg|ge|re
v.tr.
av. 1313; dal lat. transfīgĕre, v. anche figgere.


CO
1. passare da parte a parte, trapassare o ferire gravemente con un’arma bianca o sim.: trafiggere con la lancia, con la spada, essere trafitto da una baionetta
2. estens., tormentare con un dolore fisico acuto come una trafittura: una fitta improvvisa gli trafisse il petto, il mal di capo le trafiggeva le tempie
3. fig., ferire, offendere profondamente, spec. con parole pungenti: trafiggere con allusioni feroci | addolorare, affliggere con un dolore acuto, penetrante: la triste notizia le trafisse l’animo

Polirematiche

trafiggere il cuore
loc.v.
CO
1. ferire nei sentimenti più profondi, addolorare profondamente: le tue accuse mi trafiggono il cuore
2. fare innamorare spec. all’improvviso: i suoi begli occhi gli trafissero il cuore.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.