trappola

tràp|po|la
s.f.
av. 1320; dal lat. mediev. trappŭla(m), dim. di trappa, dal franc. *trappa “trappola”.


1. AU congegno di varia forma e funzionamento impiegato per catturare animali dannosi o per particolari tipi di caccia, spec. di carnivori o di animali da pelliccia: trappola a cassetta, trappola a laccio, trappola a scatto, la volpe non è caduta in trappola
2. TS pesc. non com. => nassa
3. TS milit. dispositivo, spec. munito di punte acuminate o di esplosivo che, se toccato o innescato incidentalmente, produce in vario modo danni a cose o persone
4a. AU fig., agguato: è caduto nella trappola dei sequestratori
4b. AU fig., insidia preparata per ingannare, per indurre qcn. a tradirsi o a fare un passo falso: la polizia gli ha teso una trappola
4c. AU fig., situazione priva di sbocchi e di vie d’uscita: non posso fare nulla, sono in trappola
5. BU frottola, bugia: non è capace di raccontar trappole
6. AU mezzo o apparecchio che non funziona come dovrebbe
7. TS fis. trappola ionica, magnete deflettore che viene impiegato per trattenere gli ioni presenti in un tubo a raggi catodici e neutralizzare i loro effetti dannosi
8. TS mar. fanale da segnalazione portatile con schermo manovrabile per inviare messaggi in alfabeto Morse
9. TS geol. disposizione degli strati o di altra struttura geologica, tale da favorire la concentrazione di sostanze utili, spec. idrocarburi
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità