tularemia

tu|la|re||a
s.f.
1950; comp. del lat. scient. (Pasteurella) tulare(nsis), der. di Tulare, nome di una città della California dove per la prima volta si manifestò il contagio, ed -emia.

TS med., vet.
malattia infettiva acuta , simile alla peste , molto frequente nei roditori , ma trasmissibile all’uomo per contatto con animali infetti , dovuta al bacillo Pasteurella tularensis , trasmesso agli animali per mezzo di insetti ematofagi quali pulci , zecche e sim.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.