variante

va|riàn|te
p.pres., agg., s.f., s.m.

 AU 

1. p.pres., agg. => variare
2. s.f. CO versione alternativa rispetto a un originale: un’auto prodotta in più varianti, un proverbio, un detto diffuso in numerose varianti regionali | variazione, modifica di quanto è stato precedentemente fissato o stabilito: apportare varianti a un progetto, a un modello d’abito
3. s.f. TS ling. ciascuna delle diverse forme fonologiche o grafiche con cui si può presentare uno stesso vocabolo (ad es. olivo e ulivo, spegnere e spengere, carco e carico) (abbr. var.): variante regionale, poetica, antica
4. s.f. TS filol. nella critica testuale, ciascuna delle diverse lezioni presenti nei manoscritti e nelle stampe che tramandano uno stesso testo
5. s.f. TS sport => chicane
6a. s.f. TS sport nell’alpinismo, tratto di percorso alternativo rispetto alla linea principale di una via di arrampicata
6b. s.f. CO deviazione o percorso alternativo di una strada o di un’autostrada
7. s.f. TS giochi negli scacchi, serie di mosse che modificano secondo un progetto unitario uno schema di gioco
8. s.f. TS biol. in microbiologia, colonia o cellula batterica che assume caratteristiche morfologiche diverse da quelle consuete
9. s.m. TS biol. individuo che, per un dato carattere, presenta una differenza rispetto alla norma per tale carattere


Polirematiche

variante combinatoria
loc.s.f.
TS ling.
=> variante posizionale
variante condizionata
loc.s.f.
TS ling.
=> variante posizionale
variante contestuale
loc.s.f.
TS ling.
=> variante posizionale
variante d’autore
loc.s.f.
TS filol.
v. introdotta dall’autore stesso nel testo in seguito a ripensamenti o rielaborazioni, durante la stesura del testo o in successive redazioni
variante di contesto
loc.s.f.
TS ling.
=> variante posizionale
variante di posizione
loc.s.f.
TS ling.
=> variante posizionale
variante facoltativa
loc.s.f.
TS ling.
=> variante individuale
variante fonematica
loc.s.f.
TS ling.
ciascuna delle diverse realizzazioni che un fonema può avere nella catena parlata (ad es. il fonema /n/ è nasale dentale nella parola banda mentre è velare nella parola ancora)
variante grafematica
loc.s.f.
TS ling.
ciascuno dei diversi modi in cui uno stesso fonema è rappresentato nella scrittura (ad es. il fonema /g/ viene indicato con g in gozzo, con gh in ghiotto)
variante grafica
loc.s.f.
TS ling.
ciascuna delle diverse forme di un vocabolo che si differenziano limitatamente alla grafia (ad es. ortodontia rispetto a ortodonzia)
variante individuale
loc.s.f.
TS ling.
la diversa forma che, pur conservando la propria identità funzionale, può assumere un elemento del sistema per la particolare realizzazione di chi parla o scrive
variante morfologica
loc.s.f.
TS ling.
ciascuna delle modificazioni che un morfema può presentare in relazione alla sua posizione nella catena parlata (ad es. le forme dell’art.det.m.sing. il, lo, l’)
variante posizionale
loc.s.f.
TS ling.
la diversa forma che, pur conservando la propria identità funzionale, può assumere un elemento del sistema per la sua posizione nel contesto
variante redazionale
loc.s.f.
TS filol.
ciascuna delle varianti presenti nelle varie redazioni di uno stesso testo.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.