vedere

ve||re
v.tr. e intr., s.m.
1295; dal lat. vĭdēre.


FO
1a. v.tr., percepire attraverso gli occhi, con il senso della vista: vedere una luce, le stelle in cielo; da qui si vede il mare, con questa nebbia non si vede niente; lo vidi avvicinarsi da lontano | vedessi!, se vedessi!, se avessi visto, con valore di inter., esprime stupore e ammirazione | sognare: nel sogno vidi una grande piazza vuota; contemplare in una visione mistica: vedere la Madonna, Gesù Bambino | delle anime del Paradiso dantesco, mirare in Dio: noi che Dio vedemo (Dante) | in loc.pragm., lo vedrebbe anche un cieco!, è evidentissimo, è ovvio; chi s’è visto s’è visto, per troncare la conversazione bruscamente, manifestando disinteresse per le eventuali conseguenze di ciò che si è detto o fatto | si vede che, è chiaro, è evidente che: si vede che non ha capito niente!
1b. v.intr. (avere) possedere la facoltà visiva: vedere poco, da un occhio solo; ormai vedo bene solo con gli occhiali
2. v.tr., essere presente allo svolgersi di un particolare avvenimento, assistervi: vedere uno spettacolo, una partita di calcio
3a. v.tr., incontrare, trovare qcn.: l’ho visto ieri per caso, ci siamo visti recentemente a teatro; non voglio più vederlo! | in formule di saluto: lieto di vederla!; colloq., chi si vede!, guarda chi si vede!, per indicare lo stupore che si prova a incontrare qcn. che non si vede da tempo | vedere il medico, l’avvocato, andare da lui, consultarlo
3b. v.tr. OB ricevere qcn.: da tutti i gentili uomini di Genova fu onorato e volentieri veduto (Boccaccio)
4. v.tr. FO prendere in esame, guardare; vedere i conti, controllarli; vedere il giornale, leggerlo, scorrerlo, sfogliarlo; vedere una mostra, un’esposizione, visitarla
5. v.tr. FO avere qcs. a propria disposizione, goderne: in vita mia non ho mai visto tanti soldi
6. v.tr. FO estens., vivere di persona, sperimentare un’esperienza: in questi anni ne ho viste tante, delle belle, di tutti i colori, di cotte e di crude | fig., aver visto tempi migliori, spec. di qcs., essere alquanto malridotto
7a. v.tr. TS edit. vedi, seguito dall’indicazione di pagina, paragrafo e sim., rimanda il lettore ad altri passi dello stesso testo o ad altri testi in esso citati (abbr. v., V.); vedi retro, rimanda a una parte del testo che si trova sull’altra faccia del foglio; vedi sopra, sotto, rimanda a una parte del testo che precede, che segue
7b. v.tr. TS giochi, ass. nel poker, controllare, verificare il punteggio dell’avversario: per vedere si paga | vedo!, per indicare che si accetta la puntata dell’avversario e si vuol confrontare il proprio punteggio con il suo
8a. v.tr. FO verificare, provare: vediamo se funziona!
8b. v.tr. FO estens., come inter., vedrai!, vedremo!, la vedremo!, te la farò vedere!, esprime sfida e minaccia; in tono di sfida, lanciando una scommessa: vedrai che ho ragione io, vuoi vedere che arriverà in ritardo?; in tono polemico, volendo verificare ulteriormente un comportamento già considerato negativamente: voglio proprio vedere se questa volta si fa vivo lui!; in tono di rassicurazione, di incoraggiamento: vedrai che ce la farai!, vedrete che vi troverete bene!
9. v.tr. FO notare, accorgersi: ho visto che hai dimenticato un quaderno, avete visto come sta male?
10. v.tr. FO fig., constatare: vedo che sei molto stanco, vedi che non ci riesci!; capire, intendere: non vedo cosa vogliate da me | in forma di inciso, spec. nella lingua parlata, vedi, veda, vedete, richiama l’attenzione di chi ascolta
11. v.tr. FO giudicare, considerare: ti vedo troppo nervoso; ritenere qcn. adatto, abile a qcs.: non ti vedo a fare un lavoro del genere, mi vedi a scalare l’Everest? | non lo vedo neppure, neanche lo vedo, esprime un giudizio negativo, sprezzante nei confronti di qcn.
12. v.tr. FO seguito da di e verbo all’infinito o da che e verbo al congt., fare in modo, cercare: oggi vedo di comprare i biglietti per il teatro, vedi di non sporcarti; vedi che non ti capiti nulla!, vediamo di decidere in fretta | con uso ass., vediamo!, vedrò!, vedremo!, esprime la volontà di tergiversare, di evitare di decidere
13a. v.tr. FO immaginare con la fantasia: vedere la propria infanzia, un futuro glorioso; si vede già nonno
13b. v.tr. FO vorrei vedere te, voi, lui al posto mio, nei miei panni!, esprime risentimento per una critica che si ritiene ingiustificata
14. v.tr. OB LE non vedere più avanti, più lunge di qcn., esserne perdutamente innamorato: sì forte di lei s’innamorò che più avanti di lei non vedea (Boccaccio), più lunge non vedea del giovinetto | la donna, né di lui potea saziarsi (Ariosto)
15a. s.m. LE solo sing., il percepire con gli occhi, vista: da quinci innanzi il mio veder fu maggio | che ’l parlar nostro (Dante) | LE fare bel vedere, mettersi in mostra: maledette le giovani, che fanno bel vedere a piangere e a ridere (Manzoni)
15b. s.m. CO solo sing., giudizio, punto di vista: a mio vedere la situazione non è così tragica

Polirematiche

al vedere
loc.avv.
CO
vedendo: al vedere tale scena scoppiai a ridere
avere a che vedere
loc.v.
CO
avere a che fare
dare a vedere
loc.v.
CO
mostrare: è molto triste ma non lo dà a vedere; far sembrare, apparire: dà a vedere di essere in buona salute, ma è molto debilitato
farsi vedere
loc.v.
CO
1a. mostrarsi, apparire: si fa vedere di rado da queste parti; estens., colloq., farsi vivo: fatti vedere qualche volta
1b. colloq., sottoporsi a visita medica: farsi vedere dal dottore
2. mettersi in mostra, pavoneggiarsi
modo di vedere
loc.s.m.
CO
punto di vista assunto nei confronti di qcs., opinione: secondo il mio modo di vedere, è sbagliato
non avere nulla a che vedere
loc.v.
CO
non avere alcun contatto, rapporto di affinità con qcs.
vedere come fumo negli occhi
loc.v.
CO
avere una forte avversione: vede il lavoro come fumo negli occhi
vedere con i propri occhi
loc.v.
CO
assistere di persona a un avvenimento, esserne testimone: l'ho visto con i miei occhi rubargli il portafoglio
vedere i sorci verdi
loc.v.
CO
subire un forte dolore fisico: il dentista mi ha fatto vedere i sorci verdi | trovarsi in serie difficoltà, dover affrontare ogni sorta di guai, complicazioni, ecc.: quel professore mi ha fatto vedere i sorci verdi
vedere il fondo
loc.v.
CO
arrivare alla fine, giungere a termine
vedere il sole a scacchi
loc.v.
CO
essere in prigione
vedere in anteprima
loc.v.
CO
visionare
vedere la luce
loc.v.
CO
1. nascere: Dante Alighieri vide la luce nel 1265
2. spec. di opere artistiche, essere prodotto, giungere a compimento: la “Gioconda” vide la luce intorno al 1501; di opere letterarie, essere pubblicato: l’edizione definitiva dei “Promessi Sposi” vide la luce nel 1842
vedere le lucciole
loc.v.
CO
vedere le stelle
vedere le stelle
loc.v.
CO
provare un forte dolore fisico: ho battuto la caviglia e ho visto le stelle
vedere l’erba dalla parte delle radici
loc.v.
CO
essere morto e sepolto
vedere lontano
loc.v.
CO
essere lungimirante
vedere nascere
loc.v.
CO
1. fig., conoscere e seguire una persona fin dai primi giorni della sua vita: quel ragazzo l’ho visto nascere
2. estens., di paese, casa e sim., dare i natali: quella casa ha visto nascere Goethe
vedere nero
loc.v.
CO
essere pessimista: in questa situazione vedo nero!
vedere per credere
loc.v.
CO
appurare di persona l’esattezza di un’affermazione: sconti da capogiro, vedere per credere!
vedere rosa
loc.v.
CO
essere ottimista: come fai a vedere sempre rosa?
vedere rosso
loc.v.
CO
essere molto arrabbiato
vedere tutto nero
loc.v.
CO
vedere nero.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità