1voto

|to
s.m.
sec. XIII; lat. vōtu(m), der. di vovēre “offrire in voto”.


1. FO promessa solenne di compiere un determinato atto di culto, di carità o di rinuncia o di donare a un santuario o sim. un determinato oggetto in segno di riconoscenza per una grazia ricevuta o per ottenere la liberazione da un male: fare un voto alla Madonna, fare voto di castità; mantenere il voto; sciogliere un voto, adempierlo; sciogliere, dispensare dal voto, liberare dall’obbligo di adempierlo
2. CO la cosa che si offre per voto: portare un voto a sant’Antonio
3. CO fig., spec. al pl., preghiera, vivo desiderio, augurio: tutti formulano voti per la tua guarigione
4. TS dir.intern. spec. al pl., in una conferenza internazionale, espressione di desiderio relativa a determinati comportamenti degli stati che non presuppone effetti giuridici sui partecipanti alla conferenza stessa
5a. FO espressione della volontà in procedimenti elettivi o deliberativi; ogni singolo suffragio dato a un candidato, a uno schieramento politico, a una proposta di legge e sim., o da essi ottenuto: avere diritto di voto, ottenere molti, pochi voti, raccogliere i voti | estens., votazione: dopo la discussione si passò al voto
5b. CO estens., scheda o altro oggetto usato per la votazione: deporre il voto nell’urna
6. FO nell’uso scolastico, valutazione di merito espressa per mezzo di numeri: avere dei bei voti, dei buoni voti; prendere un brutto voto, riportare voti alti, bassi; diplomarsi, laurearsi col massimo dei voti

Polirematiche

a pieni voti
loc.avv.
CO
con il massimo dei voti
avente voto
loc.agg.
TS
loc.s.m. e f. TS dir. che, chi ha diritto all’elettorato attivo
dichiarazione di voto
loc.s.f.
TS polit.
nelle assemblee spec. politiche e amministrative, dichiarazione con cui si spiegano i motivi del voto proprio o del proprio gruppo e le finalità che con esso si vogliono perseguire
fuga di voti
loc.s.f.
CO
spec. nel linguaggio politico e giornalistico, perdita di voti da parte di un partito o di un candidato a favore di altri
mercato di voto
loc.s.m.
TS dir.pen.
in materia di votazioni pubbliche ed elezioni politiche o amministrative, ciascuna figura di reato commessa da chi offre denaro o altri beni per condizionare il voto, o da chi concede il proprio voto in cambio di favori o accordi illeciti
mettere ai voti
loc.v.
CO
proporre per una votazione: mettere ai voti un progetto di legge
prendere i voti
loc.v.
CO
darsi, consacrarsi a vita religiosa
pronunciare i voti
loc.v.
CO
entrare in un ordine religioso.
sistema del voto plurimo
loc.s.m.
TS polit.
s. elettorale non più in uso con il quale determinate persone venivano privilegiate in base al censo, all’età, ecc., e veniva riconosciuto loro il diritto a esprimere un numero maggiore di voti rispetto agli altri elettori
società senza voti pubblici
loc.s.f.inv.
TS dir.can.
comunità i cui membri non pronunciano i voti pubblici di castità, povertà e obbedienza pronunciati dagli altri religiosi
voto condizionato
loc.s.m.
TS relig.
impegno subordinato al soddisfacimento o alla realizzazione del desiderio espresso
voto consultivo
loc.s.m.
CO
v. dato a titolo di parere non vincolante dai partecipanti a un’assemblea, che non hanno diritto di concorrere a determinarne la volontà
voto deliberativo
loc.s.m.
CO
v. che concorre a determinare una decisione finale
voto determinante
loc.s.m.
CO
v. portato a un partito o a uno schieramento di partiti da gruppi esterni, essenziale per consentire la formazione di una maggioranza parlamentare
voto di castità
loc.s.m.
TS relig.
v. emesso nella professione religiosa che obbliga al celibato e a non commettere atti contrari al sesto comandamento e che costituisce, insieme a quelli di ubbidienza e di povertà, lo stato di perfezione
voto di demerito
loc.s.m.
TS scol.
v. che esprime il giudizio negativo degli insegnanti sul profitto e sulla condotta di uno scolaro
voto di fiducia
loc.s.m.
CO
in diritto costituzionale, votazione richiesta dal governo alle due Camere, per accertare la sussistenza della maggioranza che lo sostiene
voto di lista
loc.s.m.
CO
v. dato non a singoli candidati ma a una fra le varie liste di candidati
voto di povertà
loc.s.m.
TS relig.
v. emesso nella professione religiosa che obbliga alla rinunzia dei beni esterni che si possiedono e che costituisce, insieme a quelli di castità e di ubbidienza, lo stato di perfezione
voto di preferenza
loc.s.m.
CO
v. dato a uno o più candidati della lista prescelta
voto di profitto
loc.s.m.
TS scol.
v. che esprime il giudizio degli insegnanti sui risultati raggiunti da uno studente in una determinata materia
voto di protesta
loc.s.m.
CO
v. dato dagli elettori a partiti di opposizione che non hanno reali prospettive di vincere le elezioni, in segno di disapprovazione verso la conduzione politica dei partiti maggiori
voto di scambio
loc.s.m.
CO
v. concesso a un candidato da un elettore o da un gruppo di elettori in cambio della promessa di futuri favori in caso di elezione
voto di sfiducia
loc.s.m.
CO
in diritto costituzionale, voto con cui il parlamento toglie il sostegno al governo, respingendone gli indirizzi politici
voto di ubbidienza
loc.s.m.
TS relig.
v. emesso nella professione religiosa che obbliga a eseguire gli ordini dei legittimi superiori e che costituisce, insieme a quelli di castità e di povertà, lo stato di perfezione
voto nominale
loc.s.m.
CO
votazione per appello nominale
voto non condizionato
loc.s.m.
TS relig.
impegno non subordinato a una contropartita specifica ed esplicita
voto palese
loc.s.m.
CO
votazione palese
voto per appello nominale
loc.s.m.
CO
votazione per appello nominale
voto politico
loc.s.m.
CO
nel linguaggio della contestazione studentesca degli anni Sessanta, voto sufficiente per la promozione non basato su criteri di merito, ma richiesto dalla condizione stessa di studente
voto preferenziale
loc.s.m.
CO
voto di preferenza
voto religioso
loc.s.m.
TS relig.
ciascuno degli obblighi di castità, di povertà e di obbedienza che si assume chi entra nella professione religiosa
voto segreto
loc.s.m.
CO
votazione segreta
voto semplice
loc.s.m.
TS relig.
v. temporaneo preso da chi sceglie di entrare in un ordine religioso, in modo spontaneo e fermo davanti a Dio, con l’impegno di fare una cosa possibile e in sé buona
voto solenne
loc.s.m.
TS relig.
v. perpetuo, attuato solo nella professione religiosa, che presuppone un vincolo forte e che assai difficilmente viene sciolto
voto tecnico
loc.s.m.
TS polit.
v. favorevole a una maggioranza di governo, dettato dall’esigenza di superare intoppi procedurali o scadenze particolari, ma che non implica un appoggio politico alla maggioranza stessa
voto utile
loc.s.m.
TS polit.
nel sistema elettorale maggioritario, voto dato al candidato che si ritiene possa vincere invece che al candidato più gradito.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.