agrume

a|grù|me
s.m.
av. 1321 nell'accez. 2; dal lat. mediev. acrūmen, der. di acer, acris “agro”.

AD
1. CO spec. al pl., arbusto o albero sempreverde del genere Cedro, con fiori bianchi e frutti generalmente commestibili: coltivazione di agrumi | frutto di tale pianta, diviso in spicchi e dal sapore acidulo, come ad esempio l’arancia, il mandarino, il limone o il bergamotto: importazione di agrumi, spremuta di agrumi
2. LE sapore aspro, acre, sgradevole: a molti fia sapor di forte agrume (Dante)
3. OB cibo, ortaggio di sapore aspro e odore forte

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità