attrazione

at|tra|zió|ne
s.f.
sec. XIV; dal lat. tardo attratiōne(m), v. anche attrarre; nell’accez. 4 cfr. ingl. attraction.


1. TS fis. forza reciproca che si esercita tra due corpi, provocando un avvicinamento: attrazione magnetica
2a. AU fig., interesse e simpatia: fra i due giovani c’era grande attrazione | attrazione sessuale | fascino, allettamento: l’attrazione del gioco, del pericolo
2b. TS sociol., stat. tendenza a contrarre matrimonio nell’ambito del proprio ambiente etnico, culturale e religioso
2c. CO nel linguaggio commerciale, attrattiva esercitata sui consumatori da una particolare area commerciale
3. TS ling. fenomeno per cui un elemento sintattico viene concordato con un altro vicino, anche in contrasto con le norme grammaticali
4. AU in uno spettacolo, personaggio o numero eccezionale, di grande richiamo
5. OB l’essere contratto, rattrappito

Polirematiche

attrazione chimica
loc.s.f.
TS chim.
forza che induce gli atomi di elementi diversi a unirsi per formare composti
attrazione fisica
loc.s.f.
CO
attrazione sessuale
attrazione gravitazionale
loc.s.f.
TS fis.
forza di attrazione che si esercita tra due corpi che, in base alla legge di gravitazione universale, è direttamente proporzionale al prodotto della loro massa e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza
attrazione modale
loc.s.f.
TS ling.
spec. nelle lingue classiche, uso del congiuntivo invece dell’indicativo, in una proposizione dipendente da una subordinata al congiuntivo
attrazione molecolare
loc.s.f.
TS fis.
forza che spinge le molecole le une verso le altre
attrazione newtoniana
loc.s.f.
TS fis.
=> attrazione gravitazionale
attrazione sessuale
loc.s.f.
CO
impulso erotico nei confronti di un’altra persona
attrazione universale
loc.s.f.
TS fis.
=> attrazione gravitazionale.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità