capriccio

ca|prìc|cio
s.m.
2ª metà XIII sec; etim. incerta, forse dall’ant. caporiccio, der. del lat. mediev. capra, v. anche caporale.


AU
1a. desiderio improvviso e bizzarro ma di breve durata: soddisfare, levarsi un capriccio, è solo un capriccio | ostinazione, puntiglio: desiderare qcs. per capriccio
1b. bizza improvvisa e spesso immotivata tipica dei bimbi: capriccio infantile, fare i capricci
1c. estens., amore superficiale e di breve durata, infatuazione passeggera
2. evento strano, bizzarria: i capricci della fortuna, della natura
3a. TS mus. componimento strumentale in uso dal sec. XVII, a schema libero, di carattere estemporaneo e fantasioso: i capricci di Paganini
3b. TS arte nella letteratura e nelle arti figurative, spec. dei secc. XVI e XVII, invenzione bizzarra e fantasiosa, ricca di originalità
4. TS arred. mantovana drappeggiata, spec. ornata con due bande che ricadono ai lati
5. OB raccapriccio, ribrezzo

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità