conoscenza

co|no|scèn|za
s.f.
1219; dal lat. tardo cognoscĕntĭa(m), v. anche conoscere.


FO
1a. il conoscere qcs., il possedere una nozione o un insieme di nozioni organizzate, l’avere una cognizione: la conoscenza della storia è importante per capire gli avvenimenti attuali | il complesso delle nozioni o cognizioni possedute: la tua conoscenza dell’inglese è insufficiente
1b. l’attività del conoscere mediante lo studio e l’indagine e il suo risultato: amore per la conoscenza | facoltà di acquisire cognizioni propria della mente umana: i limiti della conoscenza umana
1c. al pl., nozione, cognizione: le sue conoscenze sono enciclopediche
2a. il conoscere, il conoscersi e il loro risultato: la nostra è una conoscenza di vecchia data
2b. persona conosciuta con la quale non si hanno particolari rapporti di amicizia: è una mia vecchia conoscenza; avere conoscenze in un certo ambiente, conoscere le persone che contano; essere una vecchia conoscenza della polizia, essere stati arrestati o processati più volte
3. OB rapporto sessuale

Polirematiche

a conoscenza
loc.agg.inv.
CO
risaputo, noto: un problema a conoscenza di tutti | informato, al corrente: è a conoscenza dei suoi segreti | consapevole, conscio: essere a conoscenza dei propri doveri
essere a conoscenza
loc.v.
CO
conoscere
fare conoscenza
loc.v.
CO
instaurare un rapporto di conoscenza con qcn.: fare conoscenza con i vicini, abbiamo subito fatto conoscenza
fuori conoscenza
loc.agg.inv.
CO
svenuto, privo di conoscenza
giungere a conoscenza
loc.v.
CO
venire a conoscenza: sono appena giunto a conoscenza della notizia
per conoscenza
loc.avv.
CO
formula epistolare in virtù della quale una lettera o un documento viene inviato, oltre che al diretto destinatario, anche a un’altra persona, affinché possa prendere conoscenza dei suoi contenuti (abbr. p.c.)
per conoscenza della firma
loc.avv.
TS banc.
formula con cui un garante attesta l'autenticità della firma di colui che deve riscuotere un assegno.
perdere conoscenza
loc.v.
CO
svenire
portare a conoscenza
loc.v.
CO
fare conoscere, rendere noto: ci ha portati a conoscenza dei suoi progetti  
prendere conoscenza
loc.v.
CO
venire a sapere
riprendere conoscenza
loc.v.
CO
riaversi riacquistando l’uso delle proprie facoltà percettive e sensoriali
senza conoscenza
loc.agg.inv.
CO
svenuto
sociologia della conoscenza
loc.s.f.
TS sociol.
disciplina che esamina l’influenza del contesto sociale sull’elaborazione delle varie forme di pensiero
teoria della conoscenza
loc.s.f.
TS filos.
=> gnoseologia
venire a conoscenza
loc.v.
CO
avere notizia, essere informato: sono venuto a conoscenza del fatto tramite suo fratello
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.