conoscere

co||sce|re
v.tr., v.intr.
1219; lat. *conōscĕre, var. di cognoscĕre, comp. di co-, var. di con- “assieme, con” e noscĕre “conoscere”.


FO
1a. v.tr., avere qcs. presente all’intelletto, averne la nozione, il concetto, sapere che esiste, qual è e che caratteristiche ha: conoscere il significato di un vocabolo, il carattere di qcn.; conosci un buon ristorante?; non conosco la strada
1b. v.tr., possedere un complesso di nozioni organizzate, spec. per aver letto, studiato: conoscere la storia antica, l’inglese | ass., avere molte e profonde cognizioni, essere sapiente, dotto, colto: avere un forte desiderio di conoscere
1c. v.tr., essere in grado di praticare un’attività, averne esperienza: conoscere il gioco degli scacchi, conosce bene il suo mestiere
2a. v.tr., avere in mente la fisionomia, il nome, l’attività di qcn., sapere chi è, spec. per averlo già incontrato ed essere entrato in relazione con lui: lo conosco da molti anni | sapere qual è il carattere, il modo di essere di qcn.: è inutile che tu finga, ti conosco bene; ancora non lo conosci? | conoscere un artista, uno scrittore: conoscerne l’opera
2b. v.tr., incontrare qcn. per la prima volta ed entrare in relazione con lui: domani finalmente conoscerò tuo fratello; far conoscere qcn. a un altro: presentarglielo, metterlo in relazione personale con lui
3a. v.tr., fare prova, esperienza diretta di qcs.: in quel momento conobbi la vera gioia
3b. v.tr., aver provato, sperimentato: conoscere la fatica, il dolore
4. v.tr., in frasi negative, avere: il suo coraggio non conosce ostacoli; non conoscere la pietà, l’odio, non provare pietà, odio
5. v.tr., in frasi negative, tenere in considerazione, avere a cuore: non conoscere che il proprio piacere, che il divertimento
6. v.tr. BU riconoscere: è così distante che non lo conosco ancora | distinguere, riconoscere: conoscere il giorno dalla notte
7. v.tr. LE vedere, scorgere: conobbi il tremolar della marina (Dante)
8. v.tr. BU conoscere biblicamente
9. v.intr. (avere) TS dir. di organi giudiziari, esaminare una causa e pronunziare il giudizio: conoscere di una causa, di una controversia; competenza a conoscere

Polirematiche

conoscere biblicamente
loc.v.
CO
iron., avere rapporti sessuali con qcn.
conoscere di vista
loc.v.
CO
c. superficialmente qcn., solo per averlo visto qualche volta
conoscere i propri polli
loc.v.
CO
sapere con chi si ha a che fare
conoscere il mondo
loc.v.
CO
avere grande esperienza di vita
conoscere in senso biblico
loc.v.
CO
iron., conoscere biblicamente
conoscere la vita
loc.v.
CO
conoscere il mondo
conoscere le proprie pecore
loc.v.
CO
conoscere i propri polli.
farsi conoscere
loc.v.
CO
acquistare notorietà: con quel romanzo si è fatto conoscere presso il grande pubblico | scherz., acquistare una cattiva reputazione
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.