custode

cu|stò|de
s.m. e f., agg.
av. 1342; dal lat. custōde(m).


 AU 
1a. s.m. e f., chi è addetto alla custodia di qcs., spec. di un edificio, di un ufficio pubblico, di uno stabilimento, ecc.: il custode della scuola, del palazzo, del museo
1b. s.m. e f., estens., chi vigila, protegge, sorveglia animali o persone: il custode del gregge
1c. s.m. e f., fig., chi difende un bene ideale, un valore: custode delle tradizioni, della libertà
2. s.m. e f. BU chi, spec. in passato, era preposto all’amministrazione di un museo, una biblioteca, un ospedale, ecc.: il custode dell’Arcadia
3. agg. OB LE che custodisce, che protegge: le custodi | braccia di Febo (Foscolo)


Polirematiche

angelo custode
loc.s.m.
CO
1. a. che Dio affianca a ogni singolo uomo affinché lo assista e lo protegga | preghiera rivolta a tale angelo
2a. fig., chi prende qcn. sotto la propria protezione e assistenza
2b. fig., scherz., chi segue sempre una persona | poliziotto che accompagna un imputato o un prigioniero | guardia del corpo
custode giudiziario
loc.s.m.
TS dir.
ausiliario del giudice competente nel conservare e amministrare i beni pignorati o sequestrati.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.