distinzione

di|stin|zió|ne
s.f.
1304-08; dal lat. distinctiōne(m), v. anche distinguere; nell’accez. 4 cfr. fr. distinction.


AU
1. il distinguere fra una cosa e l’altra e il suo risultato, spec. con riferimento a concetti astratti: operare una sottile distinzione fra due concetti; fare una distinzione: rilevare differenze, precisare, spec. in una discussione | spec. al pl., disparità di trattamento, discriminazione: fare distinzioni di classe, di sesso, di razza
2. il distinguersi e il suo risultato, diversità, differenza: tra la religione cristiana e quella ebraica vi sono notevoli distinzioni
3. separazione: distinzione tra i poteri dello Stato e quelli della Chiesa
4. signorilità, raffinatezza: persona di grande distinzione, distinzione di modi, di comportamento
5a. BU deferenza, riguardo: trattare qcn. con distinzione
5b. BU estens., attestato d’onore, onorificenza: assegnare, ricevere una distinzione

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità