divertimento

di|ver|ti|mén|to
s.m.
1525 nell'accez. 3; der. di divertire con -mento; nell’accez. 2a cfr. fr. divertissement.


AU
1a. ciò che serve a divertire; passatempo, svago: divertimento sciocco, intelligente; pensare solo ai divertimenti; buon divertimento!: come augurio, anche iron.; non è stato un divertimento, che bel divertimento, sai che divertimento, spec. per indicare situazioni che possono arrecare fastidio, noia, ecc.
1b. estens., persona che fa divertire: quel ragazzo è un divertimento | spreg., zimbello: quando parla è il divertimento di tutta la compagnia
2a. TS mus. nel XVIII sec., composizione strumentale di carattere leggero e giocoso | TS arte, lett. => divertissement
2b. TS mus. nella fuga, passaggio modulante tra un’esposizione tematica e un’altra
2c. TS mus. nella sonata, episodio centrale modulante e non tematico, con funzioni di diversivo
2d. TS mus. nell’opera francese dei secc. XV-XVI, intermezzo di canti e danze
3. OB digressione; allontanamento

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità