esclusione

e|sclu|ṣió|ne
s.f.
1367-70; dal lat. exclusiōne(m), v. anche escludere.


 AU l’escludere, l’essere escluso: l’esclusione del pubblico dall’aula; l’esclusione dal concorso dei candidati non in regola; esclusione di un nome da un elenco; senza esclusioni, senza alcuna esclusione, senza escludere niente o nessuno: ha invitato tutti, senza esclusioni


Polirematiche

a esclusione di
loc.prep.
CO
tranne, eccetto, fuorché: a esclusione di te, tutti gli altri sono d’accordo
argomentazione per esclusione
loc.s.f.
TS log.
quella che ha per fondamento una proposizione disgiuntiva in cui un elemento esclude l’altro.
complemento di esclusione
loc.s.m.
TS gramm.
quello che indica ciò che rimane escluso, retto da senza, fuorché, eccetto, tranne, meno, a eccezione di
per esclusione
loc.avv.
CO
escludendo progressivamente le altre possibilità: scegliere, procedere per esclusione
senza esclusione di colpi
loc.avv.
CO
con accanimento: si picchiarono senza esclusione di colpi | in modo scorretto: si battè senza esclusione di colpi per far carriera
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.