esempio

e|sem|pio
s.m.
2ª metà XIII sec; lat. exĕmplu(m), der. di eximĕre “mettere da parte come modello”, comp. di ex- “fuori, da” ed emĕre “acquistare”.


1a. FO azione o comportamento che rappresenta un modello, positivo o negativo: la sua onestà è un esempio per tutti noi; citare ad esempio; seguire l’esempio di qcn., che questo ti serva da esempio | persona i cui atti sono degni di essere imitati: sua sorella è un esempio di pazienza
1b. TS lett. nella letteratura medievale, racconto didascalico ed edificante
2. FO caso particolare che illustra o conferma un’affermazione o un concetto generale: portare degli esempi a sostegno di una teoria; la dimostrazione è seguita da numerosi esempi; non capisco, fai un esempio; a titolo di esempio, parlerò della mia esperienza; ecco un esempio della sua idiozia | in vocabolari, grammatiche e sim.: frase o brano citato per illustrare usi lessicali, sintattici e sim. (abbr. es.)
3. FO ciò che rientra in una classe o in una categoria: la lucertola è un esempio di rettile; questo è per me il massimo esempio di romanzo contemporaneo; ci sono numerosi esempi di guarigione improvvisa
4. LE modello da copiare in un’opera d’arte: come pintor che con essemplo pinga, | disegnerei com’io m’addormentai (Dante)
5. OB TS filos. archetipo
6. OB l’originale di uno scritto

Polirematiche

ad, per esempio
loc.avv.
CO
formula con cui si introduce un esempio a sostegno di un’affermazione; anche per avanzare ipotesi, proposte: potremmo vederci domani, ad esempio; questo lavoro potresti farlo tu, per esempio (abbr. p.e., p.es.).
dare il buon esempio
loc.v.
CO
agire bene ponendosi come modello per gli altri
dare il cattivo esempio
loc.v.
CO
comportarsi male in modo da indurre anche gli altri a fare altrettanto
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.