1essere

ès|se|re
v.intr.
1037-89; dal lat. *essere, da esse di orig. indoeuropea.

FO
1. unisce il soggetto e il predicato nominale, costituito spec. da un nome o un aggettivo, con la funzione prevalente di attribuire una certa qualità o stato al soggetto: Maria è maestra, il gatto è un felino, il film era bello, Carlo è felice, essere italiano, essere seduto, essere piccolo, essere grande, è bene tacere | in forma di anacoluto, con il soggetto plurale e il predicato singolare o viceversa: il suo problema sono i figli | con valore esortativo o nelle formule di benvenuto: sii buono!, sii il benvenuto!
2. in relazione a una prop. soggettiva: il guaio è che ha piovuto | in relazione a una prop. comparativa: essere come l’oro | in relazione a una prop. infinitiva, spec. sott.: sono stato io a dirglielo
II. v.intr., in funz. di predicato verbale
1a. avere realtà, esistere: Dio è, non angosciarti per ciò che non è; esprimere, rappresentare un qualche aspetto della realtà: chi credi di essere? | sarà!, può essere!, per esprimere riserva, dubbio o incredulità verso l’affermazione dell’esistenza o della realtà di qcs. | risultare effettivamente presente: sono qua per aiutarti, è lui in carne e ossa; chi è?, come domanda quando si sente bussare o suonare alla porta
1b. TS vivere: Ei fu (Manzoni) | LE burocr. del fu o anche fu, discendere dal defunto: Antonio del fu Mario
2. FO accadere, succedere, avvenire: che sarà di noi?; ho sentito un rumore, cos’è stato? | quel che è stato è stato, non pensiamoci più, mettiamoci una pietra sopra | sarà quel che sarà, sarà quel che Dio vuole, per esprimere fiducia nel destino o fatalismo | così sia!, per esprimere accettazione, consenso o rassegnazione è formula usata spec. in conclusione di preghiere | sia pure!, per esprimere concessione all’accadere, all’avvenire di un fatto | come se niente fosse, per esprimere indifferenza nei confronti di un giudizio, un fatto, ecc.
3. FO misurare, pesare, costare: la stanza è due metri per tre, le pesche sono 4 chili; quant’è?, quanto costa?
III. v.intr.
1a. FO con avv. o loc. locativi, o con le prep. a e in, trovarsi in un luogo, stare: essere a casa, nel letto, al mare; essere sopra, sotto, davanti, dietro, in alto, in basso, dappertutto; dove sei?, dov’è il mio libro?; l’entrata è da quella parte, il caffè è lì; eravamo tutti giù in strada, erano lì ad aspettarlo; la citazione è nel terzo capitolo | estens., consistere: in questo è il problema; la sua vita è il lavoro | nei tempi passati, andare, recarsi: sono stato al mare, al cinema; sei mai stato in Francia? | con le prep. tra e fra, trovarsi in mezzo: la mia casa è tra il ponte e l’incrocio
1b. FO estens., arrivare, giungere: saremo a destinazione fra 4 ore, sarò da te fra 5 minuti
2a. FO fig., con le prep. in e a, trovarsi in una situazione o in una data condizione: essere in pace, in guerra, nei pasticci; essere in collera, in ansia; essere in colpa, in errore, nel vero; essere in rapporto, in amicizia con qcn.; essere in miseria; essere in viaggio, in cammino; la cambiale è in scadenza, lo stipendio è in pagamento; le piante sono in fiore, la gatta è in calore | con la prep. a, trovarsi in una data situazione: essere al sicuro, essere all’oscuro di qcs., essere al settimo cielo; essere ridotto a: essere al verde, alla fame, alla disperazione | con la prep. in, presentarsi in un modo, avere un certo aspetto: essere in abito da sera, essere in forma
2b. FO con le prep. in e a, trovarsi in un certo tempo o periodo: siamo a Natale; essere al quinto, al settimo mese, di donna in una certa fase della gravidanza | in rif. all’età: essere nell’adolescenza, essere sulla trentina
3. LE con le prep. in e sul seguite da verbo, stare per, essere in procinto di: donna che in parturir sia (Dante), era poi sempre sul chiedere a questo e a quello (Nievo)
4. FO con la prep. di, appartenere a qcn.: il libro è di Mario, quel cane non è di nessuno | appartenere per natali, discendere: essere di Roma, è gente di campagna, essere di buona famiglia; provenire: questa verdura è del nostro orto | far parte di un gruppo e sim.: è del partito comunista, essere del Milan; sei dei nostri?, sei del nostro gruppo, stai dalla nostra parte? | essere costituito o caratterizzato da una qualche materia o qualità: essere di ferro, di plastica; essere una persona di buon carattere, la battuta era di dubbio gusto | estendersi nel tempo, in grandezza, in quantità: la vacanza sarà di 10 giorni, il mio numero di telefono è di 6 cifre, la palazzina è di 3 piani | risultare: essere d’aiuto, d’impaccio, mi è stato di grande utilità | essere destinato a un incarico e sim.: essere di turno, di guardia, di servizio | addirsi, spettare: è del lessicografo registrare neologismi | caratterizzarsi per argomento: il libro è di storia
5a. FO con la prep. per seguita da una forma nominale, essere destinato: questo regalo è per te | fig., addirsi: questo lavoro non è per te | dipendere da qcs. o da qcn.: ha ottenuto il posto ma non è per la bravura; spec. preceduto da se: se non fosse stato per lui avremmo perso la partita | riguardare, concernere: se è per l’esame, non preoccuparti!; se è per questo, lo sapevo già!
5b. FO preceduto dalla prep. per per esprimere una limitazione: per essere intelligente lo è, ma è molto antipatico
6. FO seguito dalla prep. da per indicare necessità, possibilità o convenienza: la camicia è da lavare, è un problema difficile da risolvere, questo non è da te
7. FO seguito dalla prep. con, trovarsi in compagnia di qcn., andare insieme a qcn.: ero con Mario; la pace sia con te!, formula di augurio a qcn. | estens., essere d’accordo, condividere opinioni, sentimenti e sim.: sono con te quando dici che bisognerebbe cambiare le cose | sostenere, aiutare: bisogna essere con lui in questo momento difficile | avere: essere con il cappotto
8a. FO in relazione a una frase introdotta da che, in funz. rafforzativa, enfatica: è a te che parlo, era per questo che ti chiamavo | seguito dalla congiunzione che: non è che non ci credo, è solo che mi sembra strano!
8b. FO in altri usi enfatici: com’è che?, perché, come mai: com’è che non ti fai vivo?; anche ass.: «Non siamo più partiti» «Com’è?» | quand’è che…?, quando: quand’è che tornate?, quand’è l’ultima volta che l’hai incontrato?
9. FO con la prep. a, appartenere: a me non è la forma di Adone né le ricchezze di Mida (Boccaccio) | FO importare, interessare: a me molto non è perdere i passi, | perduta avendo ogni altra cosa mia (Ariosto) IV. v.intr., impers. LE seguito da un predicato che indica un fatto, un fenomeno e sim., senza che venga espresso un soggetto: è presto, è tardi, è buio, è Natale; è sera, è già giorno, era d’inverno; è il 1999; è mezzanotte, è l’una, che ora è?; anche alla 3ª pers. pl.: sono le tre, che ore sono? V. v.aus. LE come ausiliare nella coniugazione passiva dei verbi transitivi: io sono amato, la lettera è stata spedita due mesi fa; nei tempi composti di molti verbi intransitivi: è arrivato ieri alle cinque; nei tempi composti di verbi riflessivi e pronominali: ti sei sporcato, mi sono lavato; nei tempi composti dei verbi impersonali: è piovuto, è nevicato; nei tempi composti dei verbi servili che reggono un infinito: non sono potuto andare, sono dovuto restare

Polirematiche

basta che sia
loc.agg.inv.
CO
colloq., qualsiasi, qualunque: vorrei una penna basta che sia
battere il ferro finché è caldo
loc.v.
CO
insistere su qcs. nel momento opportuno
battere il ferro quando è caldo
loc.v.
CO
battere il ferro finché è caldo
chi è
loc.s.m.inv.
CO
elenco di personaggi celebri con cenni biografici; libro che riporta tale elenco: il chi è degli avvocati italiani
chi si sia
loc.s.m.inv.
LE
var. => chissisia
cogliere il frutto quand’è maturo
loc.v.
CO
saper aspettare il momento opportuno
come che sia
loc.avv.
loc.agg.inv. BU
1. loc.avv., in qualunque modo, comunque sia
2. loc.agg.inv., qualsiasi, purchessia
com’è come non è
loc.avv.
CO
con valore interiettivo, senza motivo apparente, improvvisamente: com'è come non è, ci siamo ritrovati da Mario
come eravamo
loc.s.m
CO
rievocazione spec. nostalgica del passato di un’epoca, di una generazione, di un gruppo sociale
come niente fosse
loc.avv.
CO
senza dare importanza, con noncuranza
come nulla fosse
loc.avv.
CO
come niente fosse
con ciò fosse cosa che
loc.cong.
var. => conciofossecosaché
con ciò sia che
loc.cong.
var. => conciossiaché
con ciò sia cosa che
loc.cong.
var. => conciossiacosaché
cosa è cosa non è
loc.avv.
CO
con uso interiettivo, senza motivo apparente, improvvisamente
dare a Cesare quel che è di Cesare
loc.v.
CO
d. a qcn. quel che gli spetta di diritto | detto per ammettere che qcn. avesse ragione su un particolare argomento
del tempo che fu
loc.agg.inv.
CO
d'antan
dove che sia
loc.avv.
BU
in qualsiasi luogo, ovunque
e così sia
loc.inter.
CO
espressione con cui terminano preghiere e altre formule liturgiche, amen | in contesti non religiosi spec. con valore iron.
essere a capo
loc.v.
CO
capeggiare
essere a conoscenza
loc.v.
CO
conoscere
essere al settimo cielo
loc.v.
CO
toccare il cielo con un dito
essere capace
loc.v.
CO
riuscire
essere culo e camicia
loc.v.
CO
stare sempre insieme, essere legati da una profonda amicizia e vivere insieme ogni situazione  
essere d’accordo
loc.v.
CO
starci
essere del numero
loc.v.
CO
fare parte di un gruppo e sim.: sarai del numero anche tu stasera?  
essere di fretta
loc.v.
CO
andare di fretta  
essere di ritorno
loc.v.
CO
ritornare: è di ritorno dal viaggio di nozze  
essere distante
loc.v.
CO
distare
essere d’uopo
loc.v.
CO
fare d'uopo  
essere il caso
loc.v.
CO
convenire: è il caso che tu venga  
essere in brodo di giuggiole
loc.v.
CO
andare in brodo di giuggiole  
essere in corrispondenza
loc.v.
CO
avere un rapporto epistolare con qcn.: sono in corrispondenza con lei da molti anni  
essere in corsa
loc.v.
CO
competere con altri per ottenere qcs.: il governatore è in corsa per la Casa Bianca  
essere in errore
loc.v.
CO
sbagliare, star commettendo uno sbaglio, una colpa  
essere in grado
loc.v.
CO
potere
essere in rosso
loc.v.
CO
andare sotto
essere in voga
loc.v.
CO
andare di moda
essere l’ultima ruota del carro
loc.v.
CO
valere come il due di briscola
essere necessario
loc.v.
CO
dovere
essere nell’aria
loc.v.
CO
essere avvertito come prossimo o imminente: è nell'aria un cambiamento di lavoro  
essere pappa e ciccia
loc.v.
CO
essere culo e camicia  
essere solito
loc.v.
CO
svolgere abitualmente una determinata azione, tenere abitualmente un determinato comportamento: è solito alzarsi alle sette del mattino, è solito indossare camicie a fiori  
essere sulle orme
loc.v.
CO
1 seguire qcn. seguendo indicazioni, indizi e sim.
2 comportarsi in modo conforme all'insegnamento o all'esempio di qcn. identificato come modello di vita, cultura, moralità e sim.  
essere tenuto a
loc.v.
CO
dovere
mal essere
loc.s.m.
=> malessere
modo di essere
loc.s.m.
CO
maniera di pensare, di comportarsi, di affrontare le situazioni e sim. che caratterizza una persona: il suo abbigliamento fa parte del suo modo di essere
non essere
loc.s.m.inv.
TS filos.
la condizione di non aver vita, di non avere realtà
pur che sia
loc.cong.
LE
var. => purchessia
qual si sia
loc.agg.indef.
var. => qualsisia
quando che sia
loc.avv.
LE
prima o poi, una volta o l’altra: speran di venire | quando che sia a le beate genti (Dante).
ragion d’essere
loc.s.f.
CO
motivazione intrinseca: la ragion d’essere di un determinato problema
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.