forchetta

for|chét|ta
s.f.
av. 1400; der. di forca con -etta femm., vd. -etto, cfr. fr. fourchette.


1. AD posata con due o più rebbi disposti a pettine usata per infilzare cibi solidi e portarli alla bocca o per tenerli fermi e tagliarli: forchetta d’argento, di plastica
2. TS mar. nelle navi a vela, asta di legno o metallo, che serve a tener fermo il boma quando la randa è serrata
3. TS stor. => forcina
4. TS tecn. nell’orologio, ancora a forma di forcella che si impegna nel perno eccentrico del bilanciere comunicandogli gli impulsi alternativi
5a. TS zool. => fettone
5b. TS ornit. => forcella
6. TS mus. => forcella
7. TS giochi negli scacchi e nella dama, mossa di un pedone o di una pedina che attacca simultaneamente due pezzi avversari

Polirematiche

buona forchetta
loc.s.f.
CO
mangione | buongustaio
colazione alla forchetta
loc.s.f.
CO
prima colazione costituita di pietanze cucinate o di cibi freddi per i quali occorre servirsi di posate
forchetta vulvare
loc.s.f.
TS anat.
plica mucosa che unisce le estremità posteriori delle grandi labbra
in punta di forchetta
loc.avv.
CO
in modo volutamente ricercato e forbito: parlare, esprimersi in punta di forchetta
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.