forma

fór|ma
s.f.
2ª metà XIII sec; dal lat. fōrma(m).


FO
1. aspetto esteriore di qcs. determinato spec. dal contorno che ne delimita la superficie o il volume: forma triangolare, ellissoidale, cubica; la forma di una foglia, di una nuvola, di una bottiglia; la forma degli occhi, della bocca; spec. al pl., con riferimento al corpo umano: forme snelle, agili, goffe | spec. al pl., le parti prominenti e tondeggianti del corpo femminile: forme voluttuose, giunoniche; un abito che mette in risalto le forme
2. figura vaga e indistinta: sogni popolati da strane forme
3. fig., apparenza, sembianza: la dea assunse la forma di un cigno
4. tipo di struttura, modo di articolarsi di una data realtà: forma di governo repubblicana, forma di investimento, di pagamento | modo di manifestarsi o di esprimersi di qcs.: una forma approfondita di conoscenza, una forma di comportamento anomala, una forma di amore, di odio; forma benigna, forma maligna di un tumore | genere, tipo: una nuova forma d’arte, di divertimento
5. modo in cui si compie o si svolge un’azione: discutere in forma educata, trattative in forma strettamente privata
6. stile espressivo: parlare, scrivere in forma elegante, corretta, sgrammaticata
7. schema, struttura di un componimento letterario o musicale: romanzo in forma epistolare | genere artistico: analisi delle forme poetiche e musicali dell’800
8. CO l’insieme delle norme che regolano le relazioni sociali, convenienze: non badare alla forma, salvare la forma: rispettare le convenienze | rispetto delle convenienze, garbo, educazione: mancare di forma
9. CO vacua esteriorità, apparenza: badare alla forma ma non alla sostanza
10. CO condizione psicofisica di una persona, spec. di un atleta: raggiungere una perfetta forma fisica
11. TS filos. in Platone, essenza, causa, caratteristica intellegibile e concettuale delle cose materiali, idea | in Aristotele, principio sostanziale di ogni essere; essenza dell’essere individuale a esso immanente, inscindibile e complementare rispetto alla sua materia | in Kant, la funzione a priori del pensiero che ordina i dati immediati e particolari della conoscenza | nell’estetica, l’idea artistica che si realizza nell’opera; l’ordine, l’organizzazione degli elementi che costituiscono il contenuto dell’opera stessa | nella fenomenologia di Husserl, l’essenza, l’idea, la struttura costante e universale dell’esperienza | nel pensiero di ispirazione strutturalista, la struttura intesa come modello esplicativo dei comportamenti e degli eventi concreti
12. TS gramm. aspetto morfologico di un termine: la forma del maschile, del femminile, del singolare, del plurale, di un nome, di un aggettivo; forma attiva, passiva, riflessiva di un verbo
13. TS gramm. variante lessicale: beltade è forma arcaica e letteraria di bellezza
14. TS dir. modo in cui devono essere redatti alcuni atti o negozi affinché possano assumere rilevanza giuridica: redigere un contratto nella forma prescritta
15. TS biol. => stadio | individuo, specie animale o vegetale: forme unicellulari, forme tipiche della savana tropicale; forma melanica, che differisce dalla maggior parte degli individui della stessa specie per la colorazione scura uniforme
16. CO in senso concreto, calco, stampo, modello per imprimere o conferire una data foggia a materiali, sostanze, tessuti e sim.: una forma per scarpe; recipiente metallico usato per la preparazione di dolci, sformati e sim.: mettere il budino nella forma, cuocere la torta nella forma | TS alim. stampo rotondo e bucherellato in cui si mette il latte cagliato per farne formaggio, fascera; il pezzo di formaggio estratto da tale forma: una forma di parmigiano, di groviera | TS calz. attrezzo di legno a forma di piede usato dai calzolai per modellare, allargare o riparare le scarpe | TS artig. nella fabbricazione dei cappelli, attrezzo di legno in due pezzi smontabili corrispondenti alla cupola e alla falda, usato per modellare i tessuti | TS edil. nelle fornaci, calco per la produzione di laterizi | TS sart. specie di manichino usato dal sarto per imbastire gli abiti | TS metall. in fonderia, stampo per la colata del metallo fuso | TS tipogr. la superficie contenente gli elementi stampanti da trasferire sul supporto di stampa mediante inchiostrazione; lo strumento che serve a produrre i caratteri | TS scult. calco di gesso o di altro materiale duttile usato per riproduzione di statue in metallo: forme perse, quelle che vanno distrutte per liberare il calco, forme buone, forme a tasselli, quelle che possono essere smontate e ricomposte e che possono servire per diversi calchi | TS ceram. stampo di gesso o di metallo usato per modellare i vari manufatti | TS edil. armatura di legno che viene riempita di malta o cemento per la costruzione di un muro | TS cart. => modulo
17. CO tipo di pane caratterizzato da una pezzatura a base larga e tondeggiante: una forma di pane integrale
18. TS eccl. la formula pronunciata nell’amministrare un sacramento

Polirematiche

a forma di
loc.prep.
CO
con l’aspetto di, di aspetto simile a: bocca a forma di cuore, lampada a forma di calice
esternazione a forma libera
loc.s.f.
TS dir.
prerogativa del presidente della repubblica, non prevista espressamente dalla costituzione, di esprimere la sua opinione su questioni di interesse generale
forma canonica
loc.s.f.
TS mat.
f. alla quale può essere ridotta, per la sua maggiore semplicità, un’equazione algebrica
forma cistica
loc.s.f.
TS zool.
capsula protettiva prodotta dai protozoi per sopravvivere in condizioni ambientali sfavorevoli
forma d’onda
loc.s.f.
TS fis.
rappresentazione grafica della propagazione di un’onda in un mezzo nell’unità di tempo
forma interna
loc.s.f.
TS ling.
organizzazione dei significati e dei valori sintattici propria di ciascuna lingua
forma mentale
loc.s.f.
CO
forma mentis
forma normale
loc.s.f.
TS mat.
=> forma canonica
forma partito
loc.s.f.
TS polit.
organizzazione di tendenze politiche e sociali che assume la struttura di un partito politico
forma perifrastica
loc.s.f.
TS ling.
espressione formata da due o più parole (per es. in it. avere inizio) che può essere sostituita da un solo lemma mantenendo identico il significato: avere inizio è forma perifrastica per incominciare
forma ridotta
loc.s.f.
TS ling.
forma più breve di una parola che nella stessa lingua ha anche una forma più lunga
forma sonata
loc.s.f.
TS mus.
struttura formale in genere applicata al primo tempo delle forme classiche (sinfonie, sonate, quartetti), articolata in esposizione, sviluppo e ripresa
fuori forma
loc.agg.inv.
CO
che è in cattiva forma fisica, a causa di una malattia, un regime di vita sbagliato, scarso allenamento e sim.
giù di forma
loc.agg.inv.
CO
fuori forma: essere, sentirsi giù di forma
in forma
loc.agg.inv.
CO
di qcn., in condizioni fisiche e psichiche ottimali: sentirsi, essere in forma, in buona, in ottima forma
in forma di
loc.prep.
CO
con aspetto e struttura simile a: una poesia in forma di sonetto.
indice delle forme
loc.s.m.
TS filol.
spoglio delle unità lessicali nella forma con cui compaiono nel testo preso in esame
parola forma
loc.s.f.
TS ling.
nelle lingue flessive e agglutinanti, ciascuna delle forme che un lessema assume a seconda delle regole e delle esigenze sintattiche e grammaticali nei diversi contesti possibili
peso forma
loc.s.m.
CO
p. corporeo di un atleta nella sua migliore forma fisica | estens., peso ideale di una persona
prendere forma
loc.v.
CO
acquisire consistenza, concretarsi: il progetto sta prendendo forma
psicologia della forma
loc.s.f.
TS psic.
=> gestaltismo
sotto forma di
loc.prep.
CO
1. con le sembianze di, sotto specie di, come
2. nel linguaggio scientifico: allo stato di: l’insetto è ancora sotto forma di larva | nel linguaggio economico: a mezzo di, mediante: riscossione sotto forma di cambiali
vizio di forma
loc.s.m.
TS dir.
mancanza di un requisito formale essenziale alla validità di un atto giuridico
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.