fragilità

fra|gi|li|
s.f.inv.
av. 1342; dal lat. fragilitāte(m), v. anche fragile.


1. CO facilità a rompersi: la fragilità del cristallo, della porcellana, la fragilità di una lastra di ghiaccio; fig., instabilità, precarietà: la fragilità di un legame, di un’unione | TS tecn. con riferimento a un materiale poco duttile, la caratteristica di rompersi bruscamente senza presentare segni di snervamento prima di raggiungere il punto di rottura
2. CO fig., debolezza di costituzione: la fragilità di un bambino; cagionevolezza: salute di grande fragilità; instabilità psichica | mancanza di fermezza, debolezza: la fragilità dell’animo umano, le sue accuse, i suoi sentimenti peccano di fragilità | incertezza, inconsistenza: la fragilità di una teoria, di un’ipotesi
3. TS med. mancanza di resistenza a determinati fattori, che causa danni a un organo, a un apparato e sim.

Polirematiche

fragilità capillare
loc.s.f.
TS med.
scarsa resistenza dei vasi capillari a microtraumi o a sbalzi di pressione intravascolare sia attiva che passiva
fragilità ossea
loc.s.f.
TS med.
ridotta resistenza delle ossa alle sollecitazioni meccaniche dovuta a decalcificazione o ad alterazioni congenite.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.