frequenza

fre|quèn|za
s.f.
av. 1342; dal lat. frequĕntĭa(m), der. di frequens, -entis "frequente".


AU 
1a. l’essere frequente; ripetizione di fatti analoghi a brevi intervalli di tempo: la frequenza delle sue telefonate, una preoccupante frequenza di furti, la frequenza dei temporali
1b. periodicità con cui un fatto o un fenomeno accade o si ripete: la frequenza dei treni per Milano, la frequenza dei battiti cardiaci, la frequenza con cui esce un periodico
2. TS fis. numero di cicli che una grandezza periodicamente variabile compie nell’unità di tempo, misurabile in hertz (simb. ν, 3f) | inverso del periodo di un fenomeno periodico nel tempo
3. TS stat. => frequenza assoluta
4a. AD il frequentare; presenza assidua e costante: la frequenza alle lezioni è obbligatoria | affluenza: nelle ultime elezioni la frequenza ai seggi è stata scarsa, la frequenza dei turisti sulle spiagge
4b. AD presenza più o meno numerosa in un determinato luogo, densità: la frequenza di ristoranti nel centro, la frequenza di automobili sulla strada
5. BU frequentazione, dimestichezza: avere frequenza con qcn.


Polirematiche

banda di frequenza
loc.s.f.
TS telecom.
campo o intervallo compreso tra due frequenze limite o intorno a una frequenza media (simb. B) | estens., canale
con frequenza
loc.avv.
CO
frequentemente, spesso: fare un errore con frequenza | assiduamente: vedere qcn. con frequenza
conversione di frequenza
loc.s.f.
TS elettron.
modificazione della frequenza dell’onda portante di un dato segnale
convertitore di frequenza
loc.s.m.
TS elettr.
circuito, dispositivo o macchina che trasforma una corrente alternata da una frequenza a un’altra con o senza un cambiamento di voltaggio o di numero di fasi
demoltiplicazione di frequenza
loc.s.f.
TS mecc.
=> demoltiplica.
duplicazione di frequenza
loc.s.f.
TS elettr.
passaggio da una data frequenza a una frequenza doppia
frequenza acustica
loc.s.f.
TS fis.
f. compresa fra i 16.000 e i 20.000 Hz
frequenza assoluta
loc.s.f.
TS stat.
numero di casi in cui una variabile assume un determinato valore
frequenza fondamentale
loc.s.f.
TS fis.
con riferimento a una grandezza periodica, frequenza che ne determina il periodo, pari all’inverso della prima armonica
frequenza intermedia
loc.s.f.
TS elettron.
=> media frequenza (sigla FI)
frequenza limite
loc.s.f.
TS elettron.
in un filtro, f. che separa le frequenze attenuate da quelle non attenuate
frequenza naturale
loc.s.f.
TS fis.
in un sistema capace di oscillare, f. delle oscillazioni che si destano quando il sistema viene eccitato
frequenza portante
loc.s.f.
TS elettron.
la f. dell’onda portante
frequenza propria
loc.s.f.
TS fis.
=> frequenza naturale
frequenza relativa
loc.s.f.
TS stat.
rapporto fra la frequenza assoluta e il numero dei casi osservati
frequenza vocale
loc.s.f.
TS fis.
ciascuna delle frequenze appartenenti allo spettro acustico della voce umana.
gamma di frequenza
loc.s.f.
TS telecom.
=> banda di frequenza
indice di frequenza
loc.s.m.
TS ling.
numero di volte, espresso spec. in percentuale, in cui un vocabolo ricorre in un testo o in un campione di testi presi in esame
lessico di frequenza
loc.s.m.
TS ling.
tutte le parole di un campione di testi o discorsi disposte in ordine dalle più alle meno frequenti in base al numero di repliche | opera che contiene le liste di frequenza
lista di frequenza
loc.s.f.
TS ling.
l. in cui è indicato il numero delle volte in cui un vocabolo ricorre in un testo o in un gruppo di testi
media frequenza
loc.s.f.
TS elettron.
frequenza sulla quale viene portato il segnale dopo lo stadio convertitore | il circuito dove la frequenza stessa si forma (sigla MF)
modulazione di frequenza
loc.s.f.
TS elettron.
variazione della frequenza del segnale portante (sigla FM, MF)
onda a bassa frequenza
loc.s.f.
TS fis.
radioonda la cui lunghezza è compresa tra i 10.000 km e 1 km
onda a media frequenza
loc.s.f.
TS fis.
radioonda la cui lunghezza è compresa tra i 100 e 1000 metri
onda ad alta frequenza
loc.s.f.
TS fis.
radioonda la cui lunghezza è inferiore ai 10 metri
risposta di, in frequenza
loc.s.f.
TS elettron.
spec. in elettroacustica, il rapporto fra il segnale in uscita da un amplificatore o da un trasduttore (ad es. un microfono o un altoparlante) e quella del segnale in entrata in funzione della frequenza
sintetizzatore di frequenza
loc.s.m.
TS tecn.
strumento atto a generare un elevato numero di frequenze partendo da un unico elemento oscillante
spettro di frequenza
loc.s.m.
TS fis.
distribuzione della frequenza di un fenomeno periodico
trasformatore di frequenza
loc.s.m.
TS elettr.
dispositivo statico a induzione per la trasformazione di frequenza
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.