importuno

im|por||no
agg., s.m.
sec. XIII; dal lat. importūnu(m), comp. di in- con valore privat. e *portunus, cfr. opportunus “opportuno”.


CO
1. agg., di qcn., che reca noia, fastidio con il suo comportamento: un ragazzo, un ospite importuno; rendersi, essere importuno
2a. agg., estens., di qcs., molesto, fastidioso: domande importune, insistenza importuna
2b. agg., intempestivo, inopportuno: una richiesta importuna, una visita importuna
3. s.m., persona fastidiosa, seccatore: evitare gli importuni
4. agg. OB LE infausto, sinistro: importuni auspici (Ariosto)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità