isolare

i|ṣo||re
v.tr.
av. 1597; der. di isola con 1-are.


(io ìṣoloAU 
1. separare da tutto ciò che circonda, che è in comunicazione o in contatto; di qcs., rendere inaccessibile spec. per motivi di sicurezza: isolare un incendio, isolare una zona contaminata, isolare da sguardi indiscreti
2a. di qcn., tenere lontano da altre persone per sicurezza o per punizione, segregare: isolare un malato, isolare un detenuto
2b. fig., escludere qcn. dalla possibilità di intrattenere legami o relazioni con gli altri
3. fig., privare uno stato della possibilità di avere rapporti politici, economici e culturali con le altre nazioni
4. di un impianto di comunicazione, sconnettere dalla rete: isolare il telefono
5. CO rivestire di un materiale che impedisce il passaggio di elettricità, di calore o di onde sonore: isolare un filo, un cavo elettrico; isolare una stanza acusticamente, termicamente | TS fis., tecn. separare un corpo conduttore con materiale isolante affinché non trasmetta modificazioni termiche, elettriche o acustiche 6a. CO TS biol., med. identificare l’agente patogeno di una malattia: isolare il virus dell’AIDS
6b. CO fig., distinguere, estrapolare un elemento dal suo insieme per analizzarlo: isolare un concetto, un fenomeno
6c. TS chim. ottenere un composto puro, separandolo o estraendolo da altre sostanze | dissociare un elemento da un composto


Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità