niente

nièn|te
pron.indef.inv., s.m.inv., agg.inv., avv.
av. 1306; forse lat. mediev. nĕc ĕnte(m) “nemmeno una cosa”.


I. pron.indef.inv. FO
I 1a. nessuna cosa, nulla (se posposto al verbo, questo è preceduto da altra negazione): non ho visto niente, niente lo fa arrabbiare; non se ne fa niente, la cosa non si fa, va tutto a monte | come intercalare limitativo: «Cosa c’è?» «N., volevo parlarti un momento!»
I 1b. in loc.pragm. non fa niente, fa niente, non importa; niente da dire, non c’è nulla di cui obiettare; niente da fare, per indicare che è inutile intervenire
I 2. qualcosa (spec. in proposizioni dubitative o interrogative): ti serve niente?, non so se ha niente in contrario
I 3a. inezia, poca cosa: se la prende per niente, quel che hai sentito finora è niente, il mio stipendio è niente rispetto al tuo | cosa da niente, cosa di valore scarso o nullo | essere, contare niente, essere una nullità, valere zero | con valore antifr.: hai detto niente!
I 3b. persona che non conta nulla: fino a ieri era niente, ora dà ordini a destra e a sinistra
II. s.m.inv.
II 1. l’assenza di qualcosa, il nulla: creazione dal niente | un bel niente, fam., assolutamente nulla, assolutamente no (con valore rafforzativo, anche come risposta negativa)
II 2. poca cosa: l’ho acquistato con niente, vestirsi con niente | estens., pochezza, nullità: la vita terrena manifesta il proprio niente | TS filos. => non essere
III. agg.inv. FO nessuno, nessuna: non ho niente voglia, da domani niente dolci; anche in frasi ellittiche: per favore, niente obiezioni!, niente paura! IV. avv. FO IV
1. neppure un poco, affatto: non m’importa niente di lui, non è vero niente | anche in frasi ellittiche: lo chiamavo, ma lui niente: non rispondeva! IV
2. preceduto da non con valore pleonastico, molto poco: non ci metto niente a mandarlo a quel paese

Polirematiche

buono a niente
loc.s.m.
CO
buono a nulla
come niente
loc.avv.
CO
con la massima facilità
come niente fosse
loc.avv.
CO
senza dare importanza, con noncuranza
da niente
loc.agg.
CO
di poco conto: una ferita, un lavoro da niente
di niente
loc.inter.
CO
come risposta in formule di cortesia:
dolce far niente
loc.s.m.
CO
stato di ozio felice e spensierato
fare finta di niente
loc.v.
CO
ignorare ostentatamente ciò che è accaduto di male o di dannoso: è stato lui a romperlo, ma ha fatto finta di niente | fare qcs. cercando di non dare nell’occhio: passa e guarda facendo finta di niente
fingere di niente
loc.v.
BU
fare finta di niente.
finire in niente
loc.v.
CO
concludersi, risolversi in un nulla di fatto
meno che niente
loc.avv.
CO
assolutamente niente: per me conta meno che niente
niente affatto
loc.avv.
CO
assolutamente no, affatto:
niente di che
loc.avv.
CO
loc.agg.inv. CO che è di scarso valore o di qualità bassa: un libro niente di che
niente di fatto
loc.s.m.
CO
nulla di fatto
niente di male
loc.s.m.
CO
spec. in frasi negative, nessun ostacolo morale: non c’è niente di male a dirlo | anche come risposta in formule di cortesia:
niente di meno
loc.avv.
var. => nientedimeno
niente di niente
loc.avv.
CO
assolutamente niente: non ho capito niente di niente
niente di più
loc.avv.
CO
niente più
niente male
loc.agg.inv.
loc.inter. CO
1. loc.agg.inv., abbastanza interessante, di livello discretamente alto: uno spettacolo niente male
2. loc.inter., scherz., come formula di apprezzamento: niente male la tua amica!
niente meno
loc.avv.
loc.cong., var. => nientemeno
niente niente
loc.cong.
loc.avv. CO
1. loc.cong., se appena, se solo, se per caso: niente niente le fai uno sgarbo, si offende subito, niente niente mi giro, chiacchierano subito
2. loc.avv., fam., per introdurre un’ipotesi: niente niente è stato lui, forse, può darsi che, per caso
niente più
loc.avv.
CO
niente altro, nulla di più: è un amico e niente più
niente po’ po’ di meno
loc.avv.
var. => nientepopodimeno
non farsi niente
loc.v.
CO
non farsi male: il bambino è caduto ma non si è fatto niente
non sapere di niente
loc.v.
CO
1. essere scipito, non avere sapore
2. fig., avere scarso valore, nessun pregio che desti interesse: un libro, una ragazza che non sa di niente
per niente
loc.avv.
CO
1. affatto: non mi è piaciuto per niente
2. inutilmente: lavorare, lamentarsi per niente
poco o niente
loc.avv.
CO
molto poco: ho dormito poco o niente, capisco poco o niente
regolazione tutto o niente
loc.s.f.
TS tecn.
operazione durante la quale una grandezza fisica può assumere o un determinato valore (tutto), oppure il valore zero (niente).
roba da niente
loc.s.f.
CO
cosa di scarso valore, di nessun conto | faccenda banale, anche in espressioni di modestia
venire dal niente
loc.v.
CO
essere di umili origini: si è fatto da solo, viene dal niente
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità