novella

no|vèl|la
s.f.
2ª metà XIII sec; der. di novello; nell’accez. 5a cfr. lat. tardo Novellae.


1. OB LE fatto nuovo, insolito o strano: che novella è, che tu così tosto torni a casa stamane? (Boccaccio) | LE estens., annuncio, racconto di un fatto nuovo, accaduto di recente: triste novella io recherò fra voi (Carducci), questa orrenda novella vi do (Manzoni)
2. AD componimento in prosa, più raramente in versi, di struttura relativamente semplice e di respiro alquanto breve, che espone, spec. con toni realistici, un fatto reale o immaginario: le novelle di Pirandello | estens., il genere letterario che comprende tali componimenti
3. BU breve narrazione, storiella, aneddoto: raccontare una novella
4. OB LE discorso, dialogo, ragionamento: per che nostra novella si ristette (Dante) | chiacchiera futile e inconcludente, fandonia: mi mandò una femina in casa con sue novelle e con sue frasche (Boccaccio)
5a. TS st.dir. ciascuna delle leggi nuove di un imperatore romano o bizantino che innovavano la disciplina risultante da un codice precedentemente emanato
5b. TS dir. non com., legge che costituisce una modificazione o un’aggiunta alle disposizioni di un codice

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità