ordinazione

or|di|na|zió|ne
s.f.
sec. XIV; dal lat. ordinatiōne(m), v. anche ordinare.


1. BU l’ordinare e il suo risultato, ordinamento | assetto, disposizione
2a. CO TS comm. richiesta di acquisto e fornitura di una o più merci: ordinazione di una partita di prodotti alimentari | foglio, lettera, modulo su cui tale richiesta è scritta
2b. CO incarico di fornire una merce o di eseguire un lavoro: ricevere, fare un’ordinazione | in bar, ristoranti e sim., richiesta di consumazioni fatta a chi è addetto al servizio: posso prendere le ordinazioni o volete aspettare? | estens., la merce, la consumazione e sim. oggetto di tale richiesta
3. BU prescrizione medica
4. TS eccl. nella Chiesa cattolica, conferimento degli ordini sacri

Polirematiche

su ordinazione
loc.avv.
loc.agg. CO loc.avv., dietro specifica richiesta del cliente: lavorare solo su ordinazione | loc.agg., preparato, fatto dietro specifico ordine del cliente: un abito su o.
titolo di ordinazione
loc.s.m.
TS dir.can.
reddito patrimoniale di cui gode un ecclesiastico titolare e che gli garantisce il sostentamento
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.