paraffo

pa|ràf|fo
s.m.
av. 1498; dal fr. paraphe, dal lat. mediev. paraphus, contrazione di paragraphus “paragrafo”.


1. OB segno di distinzione fra le varie parti di cui si compone un’opera letteraria, un documento, un atto notarile o fra le parti di un capitolo, una sezione dell’opera e sim.
2. TS burocr. sigla posta in calce a un atto, un documento, ecc. per ratificarlo
3. TS dir.intern. sigla apposta dai plenipotenziari al testo di un accordo ancora in fase di discussione, su cui esiste già una base di consenso fra le parti
4. BU svolazzo o ghirigoro che si aggiunge a una firma per renderla più personale e difficile da imitare
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità