prolisso

pro|lìs|so
agg.
av. 1342; dal lat. prolĭxu(m), comp. di pro- “davanti” e di un der. di liquēre “essere liquido”.


CO
1a. di qcn., che si dilunga più del dovuto nel parlare o nello scrivere, spec. suscitando noia e fastidio: un interlocutore prolisso
1b. di discorso o scritto, molto esteso, pieno di lunghe e inutili precisazioni e giri di parole: una conferenza prolissa, un libro prolisso in alcuni capitoli
2. LE di chioma o barba, fluente, lunga e folta: la barba grossa e prolissa (Boccaccio)
3. OB di condizione, stato d’animo e sim., che si protrae nel tempo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.