1scoppiare

scop|pià|re
v.intr., v.tr.
av. 1313; der. di scoppio con 1-are.


FO
1. v.intr. (essere) spaccarsi improvvisamente con violenza e fragore, per effetto di eccessiva pressione: è scoppiata la gomma dell’auto, gonfiare un palloncino fino a farlo scoppiare
2. v.intr. (essere) di ordigno, esplodere: fecero scoppiare la bomba in aperta campagna
3a. v.intr. (essere) CO estens., di fenomeno atmosferico, prorompere con improvvisa violenza: il temporale scoppiò a ciel sereno | di stagione, manifestarsi in tutta la sua pienezza: dopo un rigido inverno è scoppiata l’estate
3b. v.intr. (essere) CO estens., divampare: l’incendio scoppiò improvvisamente | fig., di evento, fenomeno, spec. grave e negativo, insorgere all’improvviso: l’epidemia è scoppiata nello Zambia, è scoppiata una violenta sommossa
4. v.intr. (essere) CO estens., prorompere in modo fragoroso, concitato: un applauso scoppiò in platea
5a. v.intr. (essere) CO non riuscire più a contenersi, a frenare l’ira, lo sdegno, o a trattenere parole che si volevano tenere nascoste o evitare: alla fine perse la pazienza e scoppiò, un bel giorno scoppiò e le disse la verità
5b. v.intr. (essere) CO fig., seguito dall’infinito o da un complemento, prorompere improvvisamente manifestando uno stato emotivo: scoppiò a ridere, in lacrime; scoppiare dal ridere, ridere a crepapelle
6a. v.intr. (essere) CO provare all’estremo grado un’emozione, un desiderio e sim.: scoppiare di gioia, per la felicità, scoppiava dalla voglia di darle la bella notizia
6b. v.intr. (essere) CO iperb., di cuore, battere più velocemente a causa di una forte emozione, o di un dolore, o di una commozione insostenibili: le scoppiava il cuore ogni volta che sentiva la sua voce, l’ansia gli faceva scoppiare il cuore
7a. v.intr. (essere) CO iperb., essere sopraffatto dalla spossatezza, sfinirsi a causa di uno sforzo fisico sostenuto ai limiti delle proprie possibilità o delle condizioni climatiche particolarmente disagevoli: scoppiare dal caldo, dalla sete | spec., nel linguaggio sportivo, non avere più fiato, essere sopraffatto dalla stanchezza: a pochi chilometri dal traguardo il maratoneta scoppiò
7b. v.intr. (essere) CO con uso enfatico, morire: continuando a lavorare con questo ritmo scoppierai
8. v.intr. (essere) CO iperb., essere sazio fino a non poterne più in seguito a un pasto o a una bevuta molto abbondante
9. v.intr. (essere) CO di ascesso, pustola e sim., aprirsi a causa dell’eccessivo gonfiore, spec. lasciando uscire pus o sebo
10. v.intr. (essere) LE di lacrime, sangue o bile, sgorgare o fuoriuscire in modo incontenibile e copioso: per li occhi fora scoppiava lor duolo (Dante)
11. v.intr. (essere) CO fig., di struttura o luogo pubblico, essere sovraffollato e di conseguenza inadeguato alle funzioni che gli sono proprie: l’arena scoppiava di spettatori, la spiaggia scoppiava di bagnanti
12. v.intr. (essere) BU scoppiettare, crepitare | OB schioccare producendo un rumore simile a un piccolo scoppio
13. v.tr. OB far scoppiare

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.