selvaggio

sel|vàg|gio
agg., s.m.
av. 1250; dal provenz. ant. salvatge, fr. ant. salvage, dal lat. silvaticus propr. “del bosco”.


AU
1a. agg., di pianta, che nasce e cresce spontanea senza essere sottoposta a coltivazione, a innesto o potatura
1b. agg., di luogo o terreno, non sottoposto a coltura, lasciato incolto | aspro, impervio, inaccessibile | che non ha traccia di presenze umane, incontaminato: la Sardegna ha zone ancora selvagge
2. agg., di animale, che vive allo stato brado e non può essere addomesticato
3a. agg. LE inesperto, non pratico di un uso o di un luogo: la turba che rimase lì selvaggia | parea del loco, rimirando intorno | come colui che nove cose assaggia (Dante)
3b. agg. LE estraneo: sorgere una stella | soleva, lunga, che parea selvaggia | del cupo cielo (Pascoli)
4. agg. TS med. di microrganismo, spec. di virus, che, essendo allo stato naturale, è dotato di tutta la sua potenzialità patogena
5. agg. AU di un individuo o di una popolazione, che appartiene a una civiltà considerata come poco evoluta; anche s.m.
6. agg. AU crudele, disumano: furia selvaggia, un comportamento selvaggio, un delitto selvaggio, odio selvaggio | violento: una tempesta selvaggia aveva spazzato la costa
7. s.m. AU fig., chi ha un comportamento eccessivamente sfrenato, incontenibile o anche aggressivo e non dominato dalle normali regole di comportamento: un gruppo di selvaggi mi ha tenuto sveglio tutta la notte; anche agg. | ribelle e asociale: non frequenta nessuno, è un selvaggio
8. s.m. TS arald. figura che rappresenta un uomo nudo appoggiato a una clava, con il capo e i lombi cinti di foglie

Polirematiche

buon selvaggio
loc.s.m.
CO
secondo una dottrina utopistica del Settecento, l’uomo primitivo che, in quanto più vicino allo stato di natura e non corrotto dalla civiltà e dalla cultura della società, conduce un’esistenza più felice e libera dai vincoli imposti dal progresso
psicoanalisi selvaggia
loc.s.f.
TS psic.
qualsiasi pratica psicoanalitica condotta con metodi estremamente approssimativi; in partic., atteggiamento di alcuni psicoterapeuti che, sottovalutando i fenomeni di resistenza e di transfert, rivelano subito al paziente la presunta causa dei loro problemi.
saracinesca selvaggia
loc.s.f.
CO
scherz., chiusura per ferie dei negozi effettuata senza rispettare le modalità e i turni stabiliti da precisi accordi.
sciopero a gatto selvaggio
loc.s.m.
TS dir.lav.
s. attuato senza preavviso in modo e tempi imprevedibili, per provocare il maggior danno possibile alla produzione e il maggior disagio all’utenza
sciopero selvaggio
loc.s.m.
TS dir.lav.
=> sciopero a gatto selvaggio.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.