tollerare

tol|le||re
v.tr.
av. 1321; dal lat. tŏlĕrāre “sopportare”.


AU
1. accettare con pazienza cose o situazioni spiacevoli o dolorose: non poter tollerare una simile ingiustizia | ammettere la presenza, la compagnia di qcn. poco gradito: è troppo arrogante, non lo tollero più
2. sopportare un disagio fisico o materiale senza riceverne un particolare danno: tollerare il caldo, la sete, la fatica
3. ammettere, rispettare opinioni, convinzioni diverse dalle proprie | accettare mostrando comprensione e indulgenza atteggiamenti e comportamenti altrui anche quando li si disapprova
4. concedere una dilazione, uno scarto, una differenza rispetto a quanto era stato precedentemente fissato
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.