torbido

tór|bi|do
agg., s.m.
av. 1313; lat. tŭrbĭdu(m), der. di turbāre “agitare”.


AD
1. agg., di liquido, che contiene impurità e perciò è privo di chiarezza e trasparenza: acqua torbida, vino torbido
2a. agg., fig., moralmente impuro, non innocente: sguardo torbido, pensieri torbidi, passioni torbide | inquieto, agitato: sogni torbidi | di vicenda o situazione, equivoco, ambiguo; tempi torbidi, incerti o agitati da sommosse e discordie
2b. agg. LE di qcn., violento, turbolento: l’ammazzato era sempre stato un uomo torbido (Manzoni)
3. s.m. CO situazione poco chiara o poco onesta: c’è del torbido in quella faccenda
4. s.m. BU spec. al pl., principio di rivolta; tumulto, ribellione: sedare i torbidi

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.