uguagliare

u|gua|glià|re
v.tr.
sec. XIII; lat. *aequalĭāre, der. di aequalis “uguale”.


CO
1. rendere uguale una cosa a un’altra o più cose tra loro: uguagliare la misura di due fogli, uguagliare due assi; anche fig.: la morte uguaglia tutti gli uomini
2. rendere uniforme, livellare, pareggiare: uguagliare una siepe, l’orlo di un vestito
3a. giudicare uguale, paragonare: nessuno scultore può essere uguagliato a lui
3b. essere pari a qcn. o qcs. per qualità positive o negative: uguagliare in bellezza, bravura, generosità, uguagliare in avarizia, in sbadataggine
4. TS sport raggiungere un risultato uguale a quello conseguito da altri: uguagliare un record
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità