ventiduesimo

ven|ti|du|è|ṣi|mo
agg.num.ord., s.m.
av. 1348;


CO
1. agg.num.ord., che in una serie, in una progressione occupa il posto corrispondente al numero ventidue (rappresentato da 22° nella numerazione araba e da XXII in quella romana): il ventiduesimo giorno del mese, il ventiduesimo classificato, ho il ventiduesimo posto della terza fila; anche s.m.: il ventiduesimo della lista
2. agg.num.ord., posposto al nome di sovrano o papa in numeri romani, indica il posto da lui occupato nella stessa serie di coloro che hanno portato lo stesso nome: Giovanni XXII
3. s.m., ognuna delle ventidue parti uguali in cui è divisibile un intero: una frazione di un ventiduesimo; anche agg.: la ventiduesima parte
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità