verbo

vèr|bo
s.m.
av. 1306; dal lat. vĕrbu(m).

AU
CO 1. parola; in loc. spec. negative: non dire, non aggiungere, non proferire verbo, tacere; non voler intendere verbo, non voler discutere, non intendere ragioni
2a. TS teol. solo sing., spec. con iniz. maiusc., sempre preceduto dall’art.det., nella teologia cristiana, la seconda persona della Trinità, intesa come parola e allo stesso tempo pensiero di Dio, immagine perfetta di Dio stesso: il V. di Dio, V. incarnato, Gesù Cristo | la parola di Dio, la Sacra Scrittura
2b. CO solo sing., estens., spec. scherz., opinione, discorso, esempio solenne o autorevole: il verbo del maestro, il verbo liberista
3. TS filos. nella scolastica medievale, pensiero, concetto, spec. se espresso
4. CO TS ling. parte variabile del discorso che, nelle lingue in cui è riconoscibile, assolve alla funzione della predicazione e, in generale, indica un’azione, uno stato o un divenire correlato al soggetto della frase, potendo specificare, in genere, persona, tempo, aspetto, modalità in relazione all’enunciato (cioè all’enunciante, a eventuali interlocutori al momento dell’enunciazione, ecc.): modi, tempi del verbo, la coniugazione di un verbo, i paradigmi dei verbi greci (abbr. v.)

Polirematiche

verbo a verbo
loc.avv.
BU
parola per parola: tradurre un testo verbo a verbo
verbo anomalo
loc.s.m.
TS gramm.
nella grammatica latina e italiana, verbo il cui paradigma è formato con il concorso di temi verbali diversi (ad es. vado, andare, ecc.)
verbo appellativo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che indica il chiamare o chiamarsi
verbo aspettuale
loc.s.m.
TS ling.
v. che determina l’aspetto dell’azione indicata dal verbo dipendente (ad es. in it. finire di, cominciare a, continuare a, ecc.)
verbo atmosferico
loc.s.m.
TS ling.
v. o locuzione verbale che indica fenomeni atmosferici, ed è generalmente impersonale in it. e in altre lingue (ad es. nevica, piove, fa freddo)
verbo attivo
loc.s.m.
TS gramm.
=> verbo transitivo | verbo intransitivo di forma attiva
verbo ausiliare
loc.s.m.
TS gramm.
v. che, unito al participio passato di un altro verbo, serve a formarne i tempi composti e il passivo (ad es. in it. essere, venire, avere)
verbo causativo
loc.s.m.
TS ling.
v. esprimente un’azione che il soggetto fa compiere ad altri (ad es. addormentare rispetto a dormire, ecc.)
verbo copulativo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che congiunge il soggetto al predicato nominale (ad es. essere, sembrare, diventare, ecc.)
verbo d’azione
loc.s.m.
TS gramm.
v. che esprime il concetto dell’agire
verbo denominale
loc.s.m.
TS ling.
v. che deriva da un nome (ad es. troneggiare derivato da trono, ecc.)
verbo denominativo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo denominale
verbo deponente
loc.s.m.
TS gramm.
nella grammatica latina, verbo con forma passiva e significato attivo (ad es. loquor, utor, ecc.)
verbo di moto
loc.s.m.
TS gramm.
v. che indica un movimento
verbo di percezione
loc.s.m.
TS ling.
v. che indica una percezione sensoriale (ad es. guardare, sentire, vedere, ecc.)
verbo di quiete
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo di stato
verbo di stato
loc.s.m.
TS ling.
v. che non indica un movimento ma uno stato, una posizione (ad es. abitare, trovarsi, ecc.)
verbo di volontà
loc.s.m.
TS gramm.
v. che esprime l’idea e l’azione del volere, del desiderare
verbo difettivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che ha solo alcuni tempi o alcune persone (ad es. urgere, piovere, ecc.)
verbo divino
loc.s.m.
CO
logos
verbo durativo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo imperfettivo
verbo elettivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che indica l’azione di eleggere e introduce, come complemento, il nome di una carica (ad es. eleggere, nominare, ecc.)
verbo epistemico
loc.s.m.
TS ling.
v. che indica una conoscenza, un’opinione del soggetto (ad es. credere, ritenere, ecc.)
verbo ergativo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo causativo
verbo estimativo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che indica l’azione di stimare e credere e introduce, come suo complemento, un sostantivo o aggettivo che, se il verbo è all’attivo, ne qualifica l’oggetto (ad es. stimare bravo qcn., ritenere giusto qcs., ecc.)
verbo fattitivo
loc.s.m.
TS ling.
non com. => verbo causativo
verbo fattivo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo causativo
verbo frasale
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo fraseologico
verbo fraseologico
loc.s.m.
TS ling.
v. che, in una data frase, non ha un significato proprio ma conferisce al verbo da cui è seguito una particolare modalità (ad es. stare nella frase sta parlando, ecc.)
verbo frequentativo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che esprime il ripetersi di un’azione (ad es. saltellare, sorseggiare, ecc.)
verbo imperfettivo
loc.s.m.
TS ling.
v. indicante l’azione nel suo svolgimento (ad es. crescere, dormire)
verbo impersonale
loc.s.m.
TS ling.
v. che non ha un soggetto determinato e si coniuga solo alla 3ª persona singolare o nei modi non finiti (ad es. nevicare, piovere, ecc.)
verbo incoativo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che esprime l’inizio di un’azione o di un processo
verbo ingressivo
loc.s.m.
TS gramm.
=> verbo incoativo
verbo intensivo
loc.s.m.
TS ling.
v. formato con un affisso intensivo (ad es. sbeffeggiare, stravincere, ecc.)
verbo intransitivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che non ammette complemento oggetto, tranne, talora, un oggetto interno
verbo iterativo
loc.s.m.
TS gramm.
=> verbo frequentativo
verbo medio
loc.s.m.
TS gramm.
v. di forma passiva ma di significato attivo, caratteristico della grammatica greca
verbo meteorologico
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo atmosferico
verbo modale
loc.s.m.
TS gramm.
=> verbo servile
verbo parasintetico
loc.s.m.
TS ling.
v. derivato da un aggettivo o sostantivo per aggiunta contemporanea di un prefisso e di un suffisso (ad es. arricchire, ingrandire, ecc.)
verbo passivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. transitivo in forma passiva
verbo percettivo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo di percezione
verbo perfettivo
loc.s.m.
TS ling.
v. che indica l’azione in quanto raggiunge una meta, un termine (ad es. parare, ecc.)
verbo performativo
loc.s.m.
TS ling.
nella teoria degli atti linguistici, verbo che rende esplicita la forza illocutiva specifica di un dato atto illocutorio
verbo predicativo
loc.s.m.
TS gramm.
1. non com. => verbo copulativo
2. v. che, diversamente dai copulativi, che si completano con un predicato nominale, può da solo costituire il predicato (ad es. camminare, leggere, tornare, e in pratica qualunque verbo non costruito o costruibile con un predicato nominale)
verbo procomplementare
loc.s.m.
TS ling.
v. che si usa stabilmente con particelle clitiche procomplementari (ad es. svignarsela) o che, in quanto usato con tali particelle, assume valori specifici, autonomi rispetto al verbo di base (ad es. sentirsela, vedersela, ecc.)
verbo pronominale intransitivo
loc.s.m.
TS ling.
v. che si coniuga con la particella pronominale senza assumere significato riflessivo (ad es. fermarsi, pentirsi)
verbo pronominale transitivo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo riflessivo indiretto
verbo reciproco
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo riflessivo reciproco
verbo riflessivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. in cui il complemento oggetto si identifica col soggetto ed è rappresentato da un pronome riflessivo (ad es. mi lavo, mi vesto)
verbo riflessivo apparente
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo riflessivo indiretto
verbo riflessivo indiretto
loc.s.m.
TS ling.
v. pronominale transitivo che ha forma simile al riflessivo, ma in cui il pronome personale, che ha la stessa referenza del soggetto, rappresenta il complemento di termine anziché l’oggetto, espresso da un sostantivo che non si riferisce al soggetto (ad es. mi asciugo i capelli, mi lavo le mani)
verbo riflessivo intransitivo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo pronominale intransitivo
verbo riflessivo reciproco
loc.s.m.
TS ling.
v. in cui l’azione verbale si riflette reciprocamente sui soggetti (ad es. domani ci incontriamo, quei due si odiano, ecc.)
verbo risultativo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo perfettivo
verbo semideponente
loc.s.m.
TS gramm.
nella grammatica latina, verbo che si coniuga in forma deponente nel perfetto e nei tempi da esso derivati e in forma attiva negli altri tempi
verbo servile
loc.s.m.
TS gramm.
v. che non viene usato in modo assoluto ma regge un altro verbo all’infinito e determina la modalità dell’azione (ad es. potere, dovere, volere)
verbo sostantivo
loc.s.m.
TS ling.
v. indicante l’esistenza
verbo sovrabbondante
loc.s.m.
TS gramm.
ciascuno di due verbi corradicali che seguono due coniugazioni diverse e che hanno in comune almeno un significato (ad es. arrossare e arrossire)
verbo stativo
loc.s.m.
TS ling.
=> verbo di stato
verbo transitivo
loc.s.m.
TS gramm.
v. che regge un complemento oggetto in quanto esprime un’azione che si estende dal soggetto all’oggetto diretto
verbo trasformativo
loc.s.m.
TS ling.
v. che indica un mutamento di stato repentino (ad es. fermarsi, sorgere, ecc.).
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità