valere

va||re
v.intr. e tr.
1219 nell'accez. 2b; dal lat. valēre.


FO
1. v.intr. (essere) avere potere, autorità, influenza: una persona, una carica che vale, il tuo aiuto può valere molto, tu qui non vali nulla
2a. v.intr. (essere) avere efficacia, forza logica, giuridica e sim.; essere applicabile: questa norma vale in tutti i casi, la legge non vale più, le tue ragioni non valgono, questo esempio deve valere per tutti, questo vale anche per te; valga il vero, per introdurre una prova in un discorso, rafforzare un’argomentazione e sim. | anche seguito da una frase oggettiva o dichiarativa: non vale affermare che egli abbia ragione
2b. v.intr. (essere) essere regolare, valido: l’invito vale per due persone, il documento non vale più, la partita non vale, hai barato | non vale!, fam., non è giusto, non è corretto
3a. v.intr. (essere) servire, giovare, essere utile: le mie scuse non sono valse a nulla, a che vale preoccuparsi tanto? | tanto vale, tanto varrebbe, è la stessa cosa, sarebbe la stessa cosa
3b. v.intr. (essere) bastare, essere sufficiente: l’esempio non vale a far capire la questione, questo non vale a convincermi
4a. v.intr. (essere) avere pregio, valore, rilevanza: un dipinto che vale molto; un libro, un film che vale poco; questo spettacolo non vale niente
4b. v.intr. (essere) nel gioco, avere peso ai fini della vincita, contare: il re vale più del fante, questa carta vale poco
5. v.intr. (essere) di qcn., avere qualità, essere capace: come medico, come avvocato non vale niente, è una persona che vale molto, dimostrerò quello che valgo | valere per tre, per dieci, colloq., avere una grande capacità, essere abilissimo in qcs.
6. v.intr. (essere) LE riuscire, essere in grado: qual tanta possanza | valse a spogliarti il manto e l’auree bende? (Leopardi)
7. v.intr. (essere) FO avere un prezzo o un pregio, costare: questa è roba che vale poco, questo quadro vale milioni, quanto potrà valere? | valere un tesoro, un occhio della testa, essere molto prezioso, avere un grande valore; vale tanto oro quanto pesa, è una persona preziosa per le sue qualità | non valere una lira, una cicca, un fico secco, non avere nessun valore, nessuna dote | dare una notizia per quel che vale, riferirla senza poterne garantire l’attendibilità
8a. v.intr. (essere) corrispondere a, equivalere a: un metro vale cento centimetri, un’oncia vale circa trenta grammi; uno vale l’altro, di due persone o cose tra cui non si fa distinzione | CO di un vocabolo, significare, voler dire: in questa frase "cuore" vale "anima", in inglese "box" vale "scatola"
8b. v.intr. (essere) FO essere adeguato, proporzionato al costo o all’impegno impiegato per ottenerlo: non vale la fatica, la spesa, la posta
9. v.tr. FO fruttare, rendere: questo investimento gli vale un milione l’anno | fig., far avere, procurare: quella scoperta gli valse il premio Nobel, l’errore mi ha valso un rimprovero
10. v.tr. LE meritare: madonna, che io ami, questo non dee essere maraviglia, …, però che voi il valete (Boccaccio)

Polirematiche

farsi valere
loc.v.
CO
di qcn., dimostrare il proprio valore | farsi sentire
vale a dire
loc.avv.
CO
espressione usata per introdurre la spiegazione di un'affermazione precedente, cioè, ovvero: mi sono alzata presto, vale a dire alle otto; per chiedere un chiarimento: hai detto che arrivi tardi, vale a dire?  
valere come il due di briscola
loc.v.
CO
contare come il due di briscola  
valere come il due di picche
loc.v.
CO
contare come il due di briscola  
valere la pena
loc.v.
1577; cfr. fr. valoir la peine, ca. 1590
CO
esserci un motivo sufficientemente valido da giustificare l'azione, l'impegno, lo sforzo e sim.: valeva proprio la pena di visitare quella città, non vale la pena di prendersela tanto, non vale la pena che tu venga fin qui  
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità